QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia e altri 11 Paesi Ue possono partire con il piano di rilancio

Dodici paesi dell’UE, tra cui Italia, Spagna, Francia e Germania, riceveranno denaro questo mese per aiutare a lanciare i loro piani nazionali di recupero della corona. Si tratta di un totale di 392 miliardi di euro.

I ministri delle finanze dell’UE hanno approvato martedì a Bruxelles i primi piani. L’Italia è il primo beneficiario con 191,5 miliardi di euro di sussidi e prestiti agevolati, mentre la Spagna è il secondo beneficiario con 69,5 miliardi di euro di sussidi. La Germania ottiene il via libera per 25 25,6 miliardi di sussidi.

I progetti valutati positivamente sono già stati approvati dalla Commissione europea, ma non saranno pagati senza l’approvazione dei ministri. Questi paesi possono ora aspettarsi un finanziamento anticipato del 13%.

672,5 miliardi proverranno da un fondo temporaneo di recupero corona, di cui 31 312,5 miliardi saranno sovvenzionati e 360 ​​360 miliardi saranno rimborsati a rate. Ciò che gli Stati membri stanno facendo con l’aiuto viene attentamente monitorato. Se non viene speso correttamente o non vengono raggiunti gli obiettivi di riforma concordati, è possibile prelevare denaro.

Nessun piano dalla Bulgaria e dai Paesi Bassi

Nel frattempo, 25 dei 27 Stati membri hanno offerto un piano di risanamento a Bruxelles. Sedici sono stati approvati dalla commissione, ma sono ancora in attesa del via libera dei ministri, mentre nove sono ancora al vaglio. Bulgaria e Paesi Bassi non sono gli unici a presentare un piano. L’hack lo farà solo se ci sarà un nuovo governo.

“Quando creiamo un accordo di coalizione, guardiamo naturalmente alle nostre istituzioni di responsabilità sociale con un occhio distorto”, ha detto martedì il segretario di Stato uscente Hans Wijelpreef. Con CSR fa riferimento a specifici obiettivi di riforma fissati negli anni ai Paesi dalla Commissione Europea, ad esempio per riformare il mercato del lavoro o il sistema fiscale. Secondo Whistleblower, nei Paesi Bassi, ciò serve a ridurre la distinzione tra lavoro a tempo indeterminato e flessibile e la retribuzione ad esso associata. Anche il mercato immobiliare deve essere affrontato; La commissione è preoccupata per i mutui elevati.

I Paesi Bassi rinunciano al debito

I Paesi Bassi possono ricevere un massimo di 6 miliardi di euro in sovvenzioni e rinunciare ai prestiti disponibili. Altri paesi, tra cui Germania, Francia e Spagna, non hanno ancora utilizzato le opzioni di credito.

È stato concordato che gli Stati membri investiranno almeno il 37% nella sostenibilità e il 20% nella digitalizzazione. Molti paesi stanno per rendere ecologici i trasporti pubblici e rinnovare gli edifici. Pagare per espandere e cambiare rapidamente l’infrastruttura Internet. I paesi devono attuare tutti i tipi di riforme che Bruxelles ritiene necessarie affinché ciascuno Stato membro esca più forte da una crisi come i cambiamenti nel sistema fiscale o nel mercato del lavoro.

Gli altri otto paesi dell’UE in cui sono stati finalizzati piani di risanamento sono Austria, Belgio, Lussemburgo, Danimarca, Lettonia, Portogallo, Grecia e Slovacchia.

Leggi anche:

Corona Recovery Fund: molti paesi vogliono diventare ecologici e passare al digitale

A poco a poco, i piani nazionali per spendere centinaia di miliardi di euro sono complicati. Ciò aiuterà l’economia dell’UE a riguadagnare le sue basi.

La giustizia italiana teme il bracconaggio mafioso da un miliardo di Ue. “Dove ci sono soldi”, salta fuori Entrangetta

Il primo ministro italiano Mario Draghi questa settimana ha detto al parlamento come il suo governo vuole spendere miliardi dal fondo di ripresa dell’UE per mantenere l’economia sana. C’è il pericolo di un’imboscata:La giustizia teme che ci sia una mafia dopo il denaro.

READ  Anteprima Belgio-Italia: i Red Devils cercano il cambio giusto - National Football