QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia è oggi il più grande produttore farmaceutico dell’Unione Europea

L’Italia riesce a liberare la Germania come uno dei principali produttori farmaceutici dell’Unione Europea. L’industria farmaceutica italiana ha mostrato una crescita significativa. In passato l’Italia è stata inevitabilmente registrata come importatore netto di droga. La zona del Lazio, soprattutto a sud di Roma, è conosciuta come il centro dell’attività della droga.

‘L’industria farmaceutica italiana è il settore tecnologicamente più avanzato e Tutti e dueKÈ in una posizione di leadership A livello europeo ‘, cita il quotidiano francese Le Picaro. ‘L’industria ha 66.500 dipendenti. Inoltre, l’81 per cento dei dipendenti dell’industria farmaceutica italiana ha meno di 35 anni. ‘

Il settore è attivo anche nel mercato del reclutamento. Negli ultimi due anni l’occupazione nel settore farmaceutico è aumentata del 4,5 per cento, contro la media dell’1,3 per cento del totale del settore manifatturiero italiano. Ci sono circa 250.000 posti di lavoro quando si cerca un impiego in un ampio campo, tra cui distribuzione e farmacie. “

Esportare

L’industria farmaceutica italiana ha registrato un fatturato di 33 33 miliardi lo scorso anno. Le esportazioni hanno raggiunto i 25 miliardi di euro. Si tratta di un aumento del 107% su un periodo di dieci anni.

Il settore farmaceutico dell’UE ha registrato una crescita media delle esportazioni del 74% nello stesso periodo. I principali clienti dell’industria farmaceutica italiana sono gli Stati Uniti, seguiti da Germania, Francia, Belgio e Turchia.

“Queste cifre indicano un vero successo, tenendo conto del fatto che il Paese è stato ancora un paio di volte un importatore netto di droga”, ha detto Le Picaro. “Questa dinamica positiva richiede indubbiamente una forte enfasi sulle competenze, soprattutto nel campo della biotecnologia.”

READ  Riapre Crystal's Sweet Taste of Italy nell'ambito di Commissioner's Kitchen

“Tuttavia, l’industria farmaceutica italiana sta riuscendo anche con misure relative a malattie rare, vaccini, prodotti sanguigni, farmaci orfani e trattamenti avanzati”.

Gli esperti sottolineano che l’epidemia di corona ha bruciato molte aziende farmaceutiche italiane Investire nella ricerca Aumentare. Le aziende italiane hanno registrato il 6% in più di domande di brevetto in tecnologia medica lo scorso anno rispetto allo scorso anno, rispetto a un aumento del 2,6% per l’industria farmaceutica in tutta l’UE.

“Ci sono 6.400 persone in quello studio – più della metà delle quali donne -” ha aggiunto il quotidiano.

Lazio

“La selettività internazionale dell’industria farmaceutica italiana è strettamente legata all’operatività della regione Lazio, distretto industriale a sud di Roma”, sottolineano gli esperti. “Questa zona è caratterizzata da una seria funzionalità innovativa e da una base produttiva consolidata”.

Il Lazio possiede il 15,4 per cento della gamma totale di aziende italiane. Nel settore operativo è salita al 61,8%. Quasi la metà delle esportazioni italiane in altre parti del mondo proviene dal Lazio. La regione attirerà in seguito un notevole interesse internazionale, ma ci si può anche fidare di essere vicina a Roma, che ha una forte reputazione nel campo della ricerca e sviluppo. ‘

A proposito, anche la Lazio ha firmato un contratto Vaccino corona russo Sputnik Produrre.

(jvdh)