QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia estrada l’hacker di Mechelen nel nostro Paese: “Finalmente può rivedere sua madre e insieme possono elaborare la perdita del papà” (Mechelen)

Una delle ultime foto scattate a Kevin a Milano, ore prima che la polizia lo circondasse nella sua stanza d’albergo. © rr

Mechelen

Kevin T. (28) di Mechelen è stato estradato nel nostro Paese dall’Italia. De Mechelar ha trascorso più di dieci mesi in un carcere italiano perché gli Stati Uniti ne hanno chiesto l’estradizione. Dopotutto, nel sistema informatico di American Airlines D. Dopo che il tribunale di Mechelen lo ha condannato il mese scorso per questi fatti, nulla ostacola la resa al nostro Paese.

Theo Terkinderen

Kevin D. È arrivato nel nostro Paese lunedì ed è stato immediatamente imprigionato a Mechelen. Un tribunale penale alla fine di agosto lo ha condannato a tre anni di carcere per aver violato il sistema informatico dell’American Airlines. Ha prenotato biglietti per un valore di $ 100.000 in quel modo senza pagare nulla. Non ha usato i biglietti da solo, ma l’American Airlines non stava ridendo dell’acrobazia di Fleming e ha sporto denuncia.

ha segnalato il giudice americano D., e il Malinois è stato alzato dal letto nella sua stanza d’albergo nelle prime ore del mattino quando l’anno scorso era andato a vedere una partita di calcio con il padre a Milano. Il giovane è stato incarcerato a Milano. Nonostante diverse misure, sembrava che nulla potesse impedire a Kevin di essere estradato in America. Seguono tutte le conseguenze, poiché rischia da 22 a 45 anni di carcere.

sorvolato

Ad agosto, il caso di pirateria informatica è arrivato improvvisamente davanti al tribunale penale di Mechelen, che ha effettivamente condannato Kevin D a tre anni di carcere. Sulla scia di quella sentenza, lunedì mattina il Malinois è stato portato nel nostro Paese. “È volato nel nostro Paese sotto la protezione della polizia. Dopo il suo arrivo, è stato trasferito in prigione per scontare la pena”, ha confermato la notizia Christoph Aerts della procura di Anversa.

Papà è morto

Nelle ultime settimane e mesi, molto duro lavoro è stato dedicato all’arrangiamento della musica di Kevin. Lo confermano anche gli avvocati Frédéric Thiebaut e Sven Mertens. “L’ufficio del pubblico ministero di Anversa e il team del ministro della Giustizia hanno lavorato molto su questo fascicolo, per il quale vorremmo ringraziarli. Non abbiamo potuto parlare con Kevin oggi. È arrivato nel nostro Paese solo poche ore fa. Ma noi credo che sia molto in pace”, hanno risposto. . “Non c’è solo lo scenario apocalittico della deportazione in America e di una lunga pena detentiva. È riuscito a uscire da quel terribile carcere di Milano, e forse la cosa più importante: ora è in una cella belga, dove la madre può vederlo. Non solo non ha visto suo figlio nell’ultimo anno, ma anche il padre di Kevin l’estate scorsa. È deceduto. Probabilmente a causa dello stress del figlio rinchiuso in Italia. Il ragazzo non ha potuto salutare il padre o piangere con il suo madre Spero che ora riescano a superare la perdita di suo padre.

Per quanto tempo Kevin Mechelen dovrebbe rimanere in prigione e se riceverà un braccialetto alla caviglia sarà presto esaminato. Ha trascorso più di dieci mesi in custodia cautelare in Italia. tdk

READ  Come stanno le economie italiane e degli altri 'paesi problematici'?