QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia ha ancora due giorni per emettere dure sanzioni dal CIO …

Giovanni Malago.
Foto: A.P.

L’Italia ha ancora due giorni per evitare le sanzioni del Comitato Olimpico Internazionale (CIO). Lo ha confermato lunedì Giovanni Malago, presidente del Comitato Olimpico Italiano (CON), durante una videoconferenza nella Camera italiana. La sospensione del CONI è un possibile permesso. In quanto tale, la bandiera italiana non sarà alle Olimpiadi di Tokyo il prossimo luglio (23 luglio-8 agosto).

L’intera ragione del conflitto tra l’Italia e il CIO risiede nella legge approvata dal governo italiano nel 2018. Ha perso il CONI di una parte della sua autonomia. Da allora, il potere politico ha controllato il movimento olimpico italiano, in particolare le sue attività finanziarie.

Il CIO ha subito affrontato la questione e ha chiesto più volte al governo italiano di modificarla al fine di rispettare la carta olimpica. Nel frattempo, il governo italiano ha cambiato struttura, ma la legge è stata mantenuta.

Mercoledì il CIO terrà un comitato esecutivo in cui verrà discusso il caso italiano. Le sanzioni sono sul tavolo. Secondo il quotidiano La Repubblica, il CIO ha già preso una decisione. Il CONI sarà sospeso, quindi gli atleti italiani dovranno gareggiare alle prossime Olimpiadi sotto bandiera neutra. L’inno nazionale italiano non risuona con la medaglia d’oro. Anche l’organizzazione dei Giochi Invernali 2026 a Milano e Cordina potrebbe avere delle implicazioni.

Il presidente del CONI Giovanni Malaco ha insistito che lunedì non era troppo tardi nella sala italiana. “Possiamo ancora risolvere la questione”, ha detto. “I politici devono agire rapidamente ora. Se non ci sarà un intervento a breve, causerà l’autodistruzione al gioco italiano. “

READ  L'allenatore della nazionale turca Cannes è rimasto impressionato: "L'Italia ha giocato molto...

Un’ulteriore difficoltà in tutta la questione è la nuova crisi politica che ha attanagliato l’Italia. Uno del gruppo