QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia ha catturato lo yacht a vela più grande del mondo: lo yacht di Melnichenko




La barca a vela A ha una lunghezza di 143 metri e un prezzo della barca di 530 milioni di euro ed è ora nelle mani delle autorità italiane. Il proprietario, l’imprenditore russo Andrei Igorevich Melnichenko, ha protestato.



Pochi giorni dopo che l’imprenditore russo Andrei Igorevich Melnichenko è stato inserito nell’elenco delle persone soggette a sanzioni dell’Unione Europea, la polizia italiana ha sequestrato il suo yacht di lusso. Tali sanzioni sono arrivate dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

La barca a vela di Melnichenko fa appello all’immaginazione. La barca a vela A., come viene chiamata la nave, ha una lunghezza di 143 metri e un prezzo di 530 milioni di euro. La nave è stata catturata nel porto nord di Trieste. Lo yacht è stato progettato da Philippe Starck e costruito dall’azienda tedesca Nobiskrug. Secondo il governo italiano, il Sailing Yacht A. è lo yacht a vela più grande della Terra.


Foto: Reuters

Fino a poco tempo, Melnichenko possedeva il produttore di fertilizzanti EuroChem Group e la compagnia di carbone SUEK. Entrambe le società hanno annunciato giovedì in una dichiarazione che Melnichenko ha rassegnato le dimissioni dal consiglio di amministrazione di entrambe le società.

Alex Andreev, portavoce di Melnichenko, ha sottolineato che l’uomo d’affari non ha nulla a che fare con i tragici eventi in Ucraina e non ha legami politici. “Non c’è assolutamente alcuna giustificazione per aggiungerlo all’elenco delle sanzioni dell’UE”, ha affermato. Contesteremo queste sanzioni ingiuste e infondate. Supponiamo che la legge e la ragione prevarranno”.

La polizia italiana ha confiscato 700 milioni di euro di ville e yacht dalla scorsa settimana. Erano tutti di proprietà di ricchi russi che sono soggetti alle sanzioni dell’Unione Europea.

Al momento, ci siamo occupati solo di obiettivi visivi. “Ora si comincia con cose come le azioni”, ha spiegato ai giornalisti Giuseppe Zavarana, capo della Guardia di Finanza italiana a Bergamo. Le operazioni di polizia facevano parte di un’azione coordinata nei paesi occidentali per prendere di mira i russi legati al presidente Vladimir Putin.

Separatamente, lo yacht Solaris, uno yacht di lusso per l’uomo d’affari russo Roman Abramovich, sarebbe arrivato nelle acque territoriali del Montenegro sabato mattina. La barca, questa volta lunga 140 metri, ha lasciato il porto di Barcellona martedì per attraccare pochi giorni dopo al resort di lusso di Porto Montenegro a Tivat. Giovedì la Gran Bretagna ha imposto sanzioni anche ad Abramovich perché l’uomo d’affari, secondo gli inglesi, è vicino a Putin. La sua proprietà è congelata. Lo stesso Abramovich ha negato di avere stretti rapporti con il presidente della Russia.

READ  La catena di sconti Action apre la sua filiale del millennio a Praga | Economia