QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia lavorerà con entusiasmo considerando i membri della famiglia Corona dell’UE

Uno dei pilastri più importanti della ripresa economica dopo la Corona è il Fondo europeo per la ripresa, del valore di 67 672 miliardi. Gli Stati membri possono presentare le loro proposte prima del 30 aprile. L’Italia è uno dei paesi più pagati. Hanno già avviato i loro progetti con quasi 200 miliardi di euro.

La chiamano “una rivoluzione” in Dorita de Siena. All’improvviso c’è la fibra ottica in un alto borgo medievale nelle montagne toscane. Nel paesaggio italiano, gli uomini lavorano con grandi pergamene. “C’era un divario digitale in Italia che ha fatto la differenza tra le persone rurali e urbane”, spiega Gabriel Karakoi Apri la fibra. A suo avviso, il cambiamento radicale è la causa dell’UE.

A Torita de Siana è molto chiaro quello che l’Italia aspetta: spesso vengono pagati miliardi di euro in anticipo per l’installazione della fibra ottica, che l’Italia può ritirare dal fondo europeo di riparazione Corona. L’Italia può quindi recuperare i costi sostenuti.

Sentimento anti-olandese

L’Italia è stata duramente colpita dall’epidemia, con oltre 100mila morti. Mario Draghi, l’ex presidente della Banca centrale europea, è ora alla guida dell’Italia come responsabile della crisi in un governo nazionale. Il nuovo premier italiano ha l’appoggio di quasi tutti i partiti politici. Il suo gabinetto è costruito attorno al Fondo Corona Europeo. Ci sono ministri per lo sviluppo digitale e il cambiamento climatico.

Sono proprio i settori degni di miliardi europei. Perché soprattutto sotto la pressione del governo olandese, un paese come l’Italia può ricevere denaro solo se rispetta rigide regole di riforma. Oltre alla modernizzazione digitale, il Paese deve investire nell’energia verde, ad esempio, nella riforma del sistema giudiziario.

READ  L'Italia ha vinto il titolo europeo dopo un thriller su rigore contro l'Inghilterra

L’anno scorso nelle città di provincia c’era ancora un sentimento anti-olandese. Sulla strada Equipaggio della macchina da presa Tempo di notizie Urlò, Gli imprenditori non vogliono vedere l’intervista: “Il vostro ministro olandese dice: non mandate mai soldi in Italia. Vuoi che parli con te adesso? Congratulazioni. Xiao”.

Piano solido

L’atmosfera è diversa adesso. Gli italiani pensano che requisiti rigorosi siano un buon incentivo. Giacomo Grossi è il sindaco di Torita de Siana. Anche le persone dovevano essere seppellite nel suo villaggio. Definisce questo anno corona “una pagina oscura della storia italiana. Terza guerra mondiale, senza bombardamenti ma con tanti morti”.

Capisce che il primo ministro olandese Mark Rutte e il ministro delle finanze Wobke Hookstra hanno smontato i freni. “È positivo che i Paesi Bassi siano stati un po ‘lenti nei confronti di quel fondo corona. Quello che faremo con quei soldi è importante”. Crede fermamente che sotto la guida del primo ministro Drake, verrà messo sul tavolo un piano solido per ottenere l’approvazione di tutti gli Stati membri europei, compresi i Paesi Bassi.

Eppure non tutti gli italiani sono ottimisti su questo. “Guarda prima, poi credi” è una vista frequente:

“Tutti in Italia si cuciono a vicenda”

Il fondo di salvataggio è uno con 672 miliardi di euro Quello che cambia il gioco Menzionato. Per la prima volta un Paese come l’Italia non può più evitare un cambiamento totale. Ma aveva ragione il primo ministro Rutte quando ha chiesto le riforme?

READ  L'Italia affronta anche la Svizzera e punta sul serio all'Europeo

Franco Pavancello, professore di scienze politiche a Roma, è scettico. “È diverso. L’atteggiamento non dovrebbe essere: gli italiani non sanno cosa farai con questo finanziamento, quindi devi cambiare. La domanda dovrebbe essere: non abbiamo un futuro come l’Unione europea? insieme? Il futuro in cui le nazioni sono in ritardo mentre altre stanno avanzando? “

Questo potrebbe essere il momento giusto per la rinascita.

Giacomo Grossi, Berkemeister van Dorida di Siena

Alla Torita de Siana, il proprietario dell’autofficina Leonardo Mioni ha recentemente acquistato fibre ottiche. “Mi sento rinato”, lo descrive con sollievo. A causa della lentezza di Internet, l’uomo del garage a volte ha inviato alcune foto dei danni alla compagnia di assicurazioni per un’intera giornata. Ora è il momento per lui di riparare le auto gravemente danneggiate.

Comprende l’originario sospetto dei Paesi Bassi. “Non credo ci sia molta fiducia in Italia. Non li critico. Non sempre i soldi vengono spesi a dovere”.

“Ma è tempo che il primo ministro Drake modernizzi l’Italia”, afferma il politologo Pavoncello. “L’Italia sente che questa è una situazione paragonabile al dopoguerra. Anche allora, i partiti politici italiani hanno lavorato insieme per ricostruire il Paese devastato”.

Il sindaco Crossy spera che le cose andranno meglio dopo questo anno della corona nera. “Non può affondare più in profondità di quanto non sia adesso. Possiamo solo risalire da questa profondità. Potrebbe essere il momento giusto per la rinascita.”