QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia non è un Paese per giovani, nemmeno nel calcio

Nascosto tra gli ulivi e i cipressi delle splendide montagne toscane, il centro di allenamento giovanile dell’Emboli FC è il club italiano di Serie A. Circa 150 giovani calciatori tra gli otto ei diciannove anni si allenano quotidianamente su quattro campi di calcio artificiale. Erba. In loco si trova anche l’hotel calcio ‘Casa Azuri’, un ristorante con ristorante intitolato al colore del club, dove la prima squadra si isola prima di ogni partita casalinga. L’attiguo Palazzo Rosso è un convitto per 25 giovani calciatori sotto contratto con l’Emboli dall’età di quattordici anni e monitorati 24 ore su 24. Vanno a scuola in città, rimangono nel campus di formazione e trascorrono un pomeriggio Autore Sarà monitorato.

Molti club italiani ora hanno tali centri di formazione per i giovani. Fabricio Corsi, imprenditore di moda toscano e presidente di club da 31 anni, afferma: “Quando abbiamo aperto il nostro nel 2006, eravamo dei pionieri. Emboli ha ottenuto risultati diversi, ma ha giocato solo con l’ERTV italiana e la serie A o B di prima divisione sotto la guida di Corsi. “Siamo la squadra più giovane della massima serie, un club che permette a più giocatori di giocare fin dalla propria giovinezza e la maggior parte degli italiani può giocare in prima squadra”, ha detto il presidente del club.

Questa è l’eccezione in Italia. Solo dopo aver investito sui giovani e averli svenduti a un club migliore dopo tanti anni: l’approccio di Emboli si confronta con l’Ajax della zona. Anche questo è il motivo della necessità di finanziamenti. La borghesia toscana non ha i capitali per attrarre molti stranieri costosi. Molti di loro sono in Serie Ave.

Più del 60 per cento dei giocatori (25 persone selezionate in un club) non sono italiani. Più stranieri nella massima serie, meno opportunità sportive offrono i giovani italiani: questa è la principale spiegazione del perché. Assuri Manca per la seconda volta consecutiva le finali dei Mondiali.

Il 24 marzo l’Italia ha perso contro la Macedonia del Nord in uno spareggio a Palermo e non è riuscita a qualificarsi per i Mondiali in Qatar. È stato duramente colpito in Italia, nazione calcistica coesa di regioni con identità molto diverse. Il Mondiale unisce gli italiani sotto un’unica bandiera. Questa gloriosa nazione calcistica sta assistendo ancora una volta a un evento così sportivo e socialmente significativo: il Assuri Nessuno di loro in Russia nel 2018 – fa male.

READ  Tim Merlier otterrà immediatamente la sua prima vittoria nel tour in Italia?

Parla prima di soldi

Il giornalista sportivo Marco Calapreci (34) afferma che quando le forti emozioni si attenuano dopo l’eliminazione, la conversazione si concentra principalmente sulla perdita finanziaria. Corriere della sera E La Gazzetta Dello SportLa Federcalcio prende milioni di euro dagli sponsor perché l’Italia non partecipa alla fine di quest’anno. E Roy, l’emittente pubblica che ha già acquisito i diritti televisivi della competizione, sta fiutando redditizie entrate pubblicitarie. Ora che le emozioni sono passate, in Italia c’è spazio per il dibattito sulle ragioni di fondo: come potrebbe una squadra che ha vinto l’Europeo otto mesi fa non qualificarsi nuovamente per la Coppa del Mondo?

“L’Italia è un gioco per anziani”, ha detto al quotidiano Antonio Bergaci, presidente di Atlanta Bergamo. Il Giornale† e Gabriel Gravina, presidente della Federcalcio italiana La Repubblica Sono tanti gli stranieri che giocano in Serie A. Questo rende lo stagno in cui l’allenatore della nazionale può fare la sua scelta di pesca nazionale più piccolo.

Secondo l’analista calcistico Marco Calabresi, la presenza degli stranieri nel campionato italiano non rappresenta un problema fondamentale per le partite internazionali. Per lo meno, i giovani italiani non hanno 19 o 20 anni. “Fino a quell’età, l’Assiria va bene contro le altre nazioni”, dice. Secondo lui, il vero problema sta nella parte anteriore e posteriore. A tal fine, pochissimi club italiani investono effettivamente nelle proprie giovanili. Dopodiché, una volta che gli italiani sono pronti a giocare in Serie A, spesso devono fare spazio a giocatori stranieri. Si allarga, ad esempio, il divario tra i giovani italiani con meno esperienza ai massimi livelli e i giovani di altre nazioni calcistiche.

Investimento sui giovani

Per riconquistare successi ai massimi livelli, Calabrasi ritiene che i club italiani debbano seguire l’esempio di club più piccoli come Emboli e Sassuolo: investire attivamente nelle proprie infrastrutture giovanili e professionali, ma devono trovare il coraggio di dare davvero tempo per giocare.

READ  L'Italia trattiene parzialmente Dicto dopo la morte di una bambina di 10 anni

Antonio Busche, 46 anni, che ha giocato trecento volte con la maglia dell’Emboli, è l’allenatore delle giovanili del suo vecchio club. La scorsa stagione ha vinto lo scudetto under 19. Seduto a un tavolo da pranzo lungo e stretto al club hotel, Buss dice: “Naturalmente il successo è importante”. “Ma ho raggiunto il mio obiettivo solo se i giocatori che ho allenato hanno giocato in prima squadra”.

Un genitore di tredici anni radioso e biondo brilla allo stesso modo davanti alla testa dell’Emboli FC. A luglio il ragazzo disegnerà. Fino ad allora, il suo nome sarà tenuto segreto alla stampa, impedendo a un altro club di rubarglielo. Emboli ha bisogno di un posto in gioventù perché i bravi ragazzi avranno poi la possibilità di giocare in prima squadra, la Serie A. E dopo aver fatto esperienza in emboli, i migliori club come Internazionali o Juventus possono sempre seguire. Al contrario, un ragazzo che finisce nelle classifiche giovanili del Milan può essere accreditato con un club di serie B durante l’adolescenza, molto meno probabile che attiri l’attenzione di un top club.

Emboli (maglia azzurra) ha perso 4-1 contro l’Udinese in una partita di Serie A di sabato.
Foto per gentile concessione di Andrea Presanutti / Lapress

Chi conquista un posto nelle giovanili di un club professionistico lo possiede comunque Alcuni feliciLo dice il giornalista sportivo Matteo Pinci (39) La RepubblicaIl 90% dei calciatori in Italia frequenta le scuole calcio, dove realizzare un profitto è più importante di una buona educazione. “Tali scuole si battono per il maggior numero di iscrizioni possibile. Spesso contribuiscono all’organizzazione del club della prima squadra. I giovani allenatori sono spesso dilettanti perché non spendono molto. Ad esempio, i bambini non ricevono una formazione sufficiente per molti anni, anche Anche se i genitori devono ancora pagare tanti soldi, Pinci sa già che suo figlio ha pagato 10.000 euro per iscriversi in Serie C.

Pinci afferma che l’ex calciatore e allenatore Cesare Brandelli aveva previsto nel 2014 che un allenamento inadeguato delle giovanili del calcio italiano avrebbe avuto un impatto negativo sulla nazionale. “L’Italia non si qualificherà ai Mondiali tra otto anni se non ci concentreremo maggiormente sulle giovanili”, ha detto. Purtroppo aveva ragione.

READ  Federica Bellegrini: 'In alcuni Paesi il divario di genere è peggiore che in Italia'

Impostare la quota?

Dopo aver saltato il Mondiale in Qatar, il calcio professionistico italiano ha istituito un gruppo di lavoro per valutare se modificare la quota per i club che giocano in Serie A. Ora la selezione dei 25 uomini dovrebbe includere quattro calciatori che hanno giocato per il club di casa per quattro anni e quattro che hanno allenato nelle giovanili del club italiano. La proposta è che i club aggiungano otto italiani alla loro selezione. Ma con così tanti stranieri nel campionato italiano, è molto discutibile se ci siano possibilità di successo.

Spesso è più economico e più facile acquistare uno straniero di talento di età superiore ai diciassette anni che investire nell’istruzione di un italiano, ad esempio dall’età di undici anni. “Comprare un giocatore in Italia può essere per certi versi molto difficile, sia in termini di tasse che di costi”, ha detto il presidente di Emboli Corsi. “Sempre più club stanno acquistando all’estero perché i giocatori sono più economici in alcuni mercati. Inoltre, i club potrebbero trovare più conveniente acquistare giocatori stranieri.

Quest’ultimo è correlato all'”Ordine di sviluppo” dal 2019 in poi. Con questo, il governo italiano ha introdotto una significativa riduzione delle tasse per gli stranieri che vanno a lavorare in Italia. L’obiettivo era di attrarre in questo modo professionisti più qualificati Drenaggio cerebrale Italiani giovani e altamente istruiti che vanno all’estero. Per inciso, questo ora va a scapito dei calciatori italiani.

Il leader di Emboli Corsi accetterà regole più rigide per il numero minimo di giocatori italiani per selezione. Ma si chiede se sia discriminatorio. “Gli stranieri dovrebbero essere decisamente i benvenuti”, dice il tecnico delle giovanili Antonio Micio, “ma la nostra competizione beneficia di un maggiore equilibrio”. Alla fine non puoi ignorarlo, dice Buscè: “Costruisci un’Italia forte attorno ai giocatori dei migliori club che sono abituati a vincere titoli con la loro squadra. In più siamo diventati campioni del mondo nel 2006.