QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia richiede test corona negativo ai viaggiatori dell’UE: “peggiore”

I viaggiatori non vaccinati devono essere isolati per cinque giorni all’arrivo in Italia. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha annunciato ieri che le misure saranno in vigore fino al 31 gennaio.

PCR o antigene

Ha inoltre deciso di prorogare i poteri di emergenza del governo fino al 31 marzo. Tali poteri, che scadono entro la fine dell’anno, facilitano l’introduzione di nuove leggi nella lotta contro il corona.

I passeggeri possono mostrare i risultati del test dell’antigene e del test PCR. Il test dell’antigene non deve essere più vecchio di 24 ore, mentre il test PCR non deve superare le 48 ore. I viaggiatori provenienti dalla maggior parte dei paesi al di fuori dell’UE hanno già un obbligo di check-in.

Frank Ostdam, capo dell’ANVR, dice che è un peccato che l’Italia chieda anche a coloro che sono stati vaccinati un test corona negativo. Il Portogallo è già davanti all’Italia, ma non si fermerà in quei due Paesi, pensa Oostdam. “Mi aspetto che più paesi alla fine richiedano una sperimentazione oltre al vaccino”.

“Vacanze necessarie”

Oostdam chiama la buona notizia che il test dell’antigene è sufficiente per l’Italia. Spera anche che le persone non smettano di viaggiare a causa di questa necessità in più. Secondo Oostdam, c’è “bisogno di andare in vacanza”.

Inoltre, ulteriori misure non aiuteranno, pensa il caposquadra dell’ANVR. “Nelle ultime settimane, abbiamo sentito dall’Organizzazione mondiale della sanità, dall’Organizzazione europea della sanità ECDC e dal team di virologi Modley che imporre restrizioni di viaggio è un modo inefficace per controllare la diffusione del virus. Eppure vedi quel membro.

READ  Discussione in Italia sulla legge antidiscriminazione LGPTI: 'Non abbiamo fatto un passo indietro'

La Commissione Europea non è contenta

Anche la Commissione Europea ha annunciato ieri di non essere soddisfatta delle rigide regole di viaggio italiane. Questi non aiutano a sperare che i cittadini dell’UE possano contare sullo stesso trattamento in tutta l’UE, afferma il commissario europeo Věra Jourová. Spera che il certificato di viaggio Corona europeo mantenga operazioni come l’Italia.

I paesi dell’UE hanno precedentemente concordato il libero accesso a coloro che sono stati vaccinati, curati o risultati negativi. Hanno convenuto che gli Stati membri potrebbero rinunciare se necessario.