QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia sta affrontando un deficit di oltre 9 miliardi di dollari a causa della tassa sull’energia

Il primo ministro Mario Draghi ha stanziato 33 miliardi di euro da gennaio per aiutare le imprese e le famiglie ad affrontare costi alle stelle per elettricità, gas e benzina mentre la guerra in Ucraina oscura le prospettive di crescita nella terza economia dell’eurozona.

Il pacchetto totale di 10-11 miliardi di euro doveva essere finanziato da una tassa inaspettata del 25% sulle società energetiche che hanno beneficiato del rapido aumento dei prezzi del petrolio e del gas.

In base al regime, produttori e venditori di elettricità, gas naturale e prodotti petroliferi devono versare un anticipo del 40% entro la fine di giugno e il restante importo entro novembre.

Tuttavia, il documento del ministero delle Finanze, presentato in parlamento questa settimana, ha rivisto le proiezioni di bilancio di metà anno e le entrate complessive delle imposte sul reddito sono inferiori di oltre 9 miliardi di euro. Meglio delle attese.

“Le stime riviste tengono conto di una revisione al ribasso degli incentivi fiscali previsti”, ha affermato il Tesoro nel documento, senza nominare gli inadempienti.

La società energetica statale Eni ha dichiarato la scorsa settimana di aver già pagato la prima tranche di energia eolica italiana e la più grande utility italiana Enel ha dichiarato di aver stanziato 2,6 miliardi di euro per finanziare l’energia eolica tassata dai governi italiano, spagnolo e rumeno. .

Molte compagnie energetiche si sono lamentate delle entrate inattese fiscali e anche la volatilità dei prezzi dell’energia sta influenzando le loro attività.

Le aziende che non rispettano la scadenza di fine giugno hanno la possibilità di pagare il prelievo nelle prossime settimane o mesi, insieme a sanzioni e interessi, ha aggiunto il documento.

READ  Sony Golfrelli trasferita in Italia, ancora sconosciuta la causa dell'aritmia

Tuttavia, poiché l’inflazione dei prezzi al consumo ei costi energetici eliminano le imposte indirette come l’IVA sulle vendite, attualmente non vi è alcun impatto sugli obiettivi di finanza pubblica.

Il governo ha detto questa settimana che prevede di approvare un nuovo pacchetto di salvataggio del valore di 14,3 miliardi di euro, che sarà una delle ultime grandi mosse del governo Draghi prima delle elezioni nazionali del mese prossimo. ($ 1 = 0,9770 euro)