QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia supera l’Austria ai supplementari per passare ai quarti di finale (contro il Belgio?)

© AFP

© Piscina via REUTERS

© Piscina via REUTERS

È costato sangue, sudore e stiramenti, ma gli italiani si sono qualificati ai quarti di finale (2-1). Furono gli invasori Sisa e Pesina che alla fine aiutarono gli Assiri a superare l’Austria. Presto sarà un po’ più contro i Red Devils o il Portogallo.

Yango Peekman

Se un paese migliore che non ci aspettiamo ora ha bisogno di estensioni nei suoi 1/8 di finale, sarà l’Italia. Georginho e co. Gli elogi sono piovuti dopo le prime tre partite per la partita che avevano già mostrato in questo Campionato Europeo. Con l’Austria hanno ottenuto la carta più possibile come nemico sulla carta.

Quindi quindici minuti dopo fu un po’ uno shock. Tenere la palla dopo quindici minuti di calcio: 65 per cento per gli austriaci. David Alaba e co. Iniziando la partita pieno di fuoco, reclama palla e cerca pazientemente un buco nella difesa italiana. Tuttavia, segnare un gol contro Assouri non è un’impresa normale. L’Italia non ha segnato un solo gol nella fase a gironi. Gianluigi Donnarumma ha ottenuto la porta inviolata di undici partite di fila. Il record di Dino Zoff – dodici di fila – è stato chiamato.

Salvato da VAR

Gli italiani hanno faticato tanto, ma dopo un quarto d’ora hanno ritrovato l’equilibrio per un po’. Tuttavia, è stato difficile creare opportunità. L’Italia minacciava soprattutto a distanza. Barella ha visto il suo sforzo cambiato da Pacman. Un cono immobile è intrappolato all’incrocio.

Anche dopo la pausa gli austriaci sono usciti con entusiasmo dallo spogliatoio. In primo luogo, Arnadovic è soffocato durante una trasferta quando ha visto l’Alabama godersi un calcio di punizione. Ma dopo un’ora ne è valsa la pena. Dopo un cross, il compagno di squadra David Alaba riporta la palla di testa ad Arnadovic con un bel colpo di testa. Tuttavia, l’attaccante austriaco era in fuorigioco di un piede. Italia salvata dal VAR.

Chi pensava che gli italiani si sarebbero svegliati dopo quel gol involontario è rimasto deluso. Gli austriaci non si tirano indietro per l’autogol, ma cercano il primo gol. Nel frattempo, gli italiani stavano ancora lottando per costruire qualcosa contro una formidabile Austria.

Lo fanno gli invasori

Alla fine c’è stato tempo fino ai tempi supplementari per il primo gol valido. Fu una delle manifestazioni della posizione di gruppo di Leonardo Spinasola che vedesse sulla destra Federico Cisa. Il sostituto ha abilmente tagliato fuori il suo diretto avversario e ha calciato dalla distanza Bachmann.

Dopo il primo gol, sembrava una recinzione di una diga. Matteo torna da sostituto con Pesina, che segna il 2-0. Dopodiché, nonostante le continue pressioni degli austriaci, sembrava importante che gli italiani finissero la partita.

Sette minuti prima dell’ora, il pubblico ha firmato per il goal di collegamento. Dopo un buon corner di Shaubin, Kalajjik supera Donarumma. Gli italiani tremarono per altri cinque minuti, ma alla fine lo raggiunsero attraverso il fosso. L’Italia sospirò di sollievo. Quindi non sono ancora arrivati ​​né il Portogallo né i Red Devils.

READ  Con un pass verde al collo, l'Italia va a Monza per 60.000 spettatori