QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia terrà presto un referendum sulla legalizzazione della cannabis









I sostenitori della legalizzazione della cannabis in Italia hanno raccolto le 500.000 firme necessarie per indire un referendum sulla questione in una sola settimana. Gli italiani lo fanno Quindi le possibilità sono alte Legalizzare la coltivazione della cannabis per uso personale all’inizio del prossimo anno e allentare le sanzioni per altri crimini legati alla cannabis.

L’Italia ha recentemente fatto un passo avanti per legalizzare l’uso della cannabis. I suoi sostenitori sono riusciti a raccogliere mezzo milione di firme in sette giorni, il che significa che è più probabile un referendum sulla questione. Grazie a una nuova legge in Italia che ha permesso di raccogliere firme online da giugno di quest’anno, tra l’altro, gli iniziatori devono alla petizione raggiungere il suo obiettivo molto rapidamente.

“Voglia di cambiamento”

Tuttavia, il successo della loro campagna ha superato le loro stesse aspettative. “Questo è un risultato insolito, ma non sorprendente. Lo slancio del sostegno mostra un desiderio di cambiamento”, ha affermato il comitato organizzatore del sondaggio, che comprende diversi gruppi pro-marijuana. Reuters. Tuttavia, continuano a invitare chiunque non si sia iscritto prima della scadenza del 30 settembre. Per evitare che la loro domanda di voto venga rifiutata perché troppe firme sono dichiarate non valide.

Trascorso tale termine, la proposta passa prima alla Corte di Cassazione, che deve approvare il ricorso e trasmetterlo alla Corte Costituzionale. Devono decidere se è costituzionale o meno. Se tutti questi sforzi sopravvivranno, il presidente italiano fisserà una data per un referendum. Secondo le startup, questo avverrà solitamente nella prima metà del 2022.

READ  Un 2022 di sport: tutti gli incontri più importanti dell'anno, in Italia e all'estero

Legge ambigua

In Italia le leggi sulla cannabis sono state un po’ allentate negli ultimi anni, ma i principali partiti politici nel governo di unità nazionale di Mario Draghi sono divisi sulla questione. Pertanto, non c’è chiarezza sulla normativa vigente. Con il referendum, i sostenitori della legalizzazione della cannabis sperano di cambiarlo.

leggi di più: