QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia testa i viaggiatori dalla Cina per il coronavirus, altri paesi dell’UE no (ancora): “L’Europa deve tracciare una linea”

L’ondata di corona che si sta diffondendo in Cina sta causando turbolenze anche in Europa. Ad esempio, l’Italia è l’unico paese dell’UE che testa tutti i viaggiatori provenienti dalla Cina. L’eurodeputata del CDA Esther de Lange ritiene che i paesi dell’UE dovrebbero tracciare una linea per evitare ambiguità.

Oggi il governo italiano ha invitato altri paesi dell’UE a testare anche i viaggiatori provenienti dalla Cina per il coronavirus. La Commissione europea ha organizzato oggi una consultazione urgente con un gruppo di esperti sanitari sulla questione. Dalla consultazione non sono ancora emersi risultati concreti.

Prima del 2020

L’estrema ondata di coronavirus in Cina preoccupa anche Esther de Long. “Sembra il film Ricomincio da capo, e ci sembra di aver vissuto prima di questo momento.”

Ma pensa che sia positivo che questo gruppo consultivo di esperti sia ora convocato nel tempo libero. “Ciò dimostra che la Commissione europea sta esortando gli Stati membri a intraprendere azioni collettive”.

Vedi altro

“La politica attuale provoca disordini”

De Lange capisce che l’Italia vuole agire per prevenire la diffusione del virus. “Corona è arrivata prima lì, e in quel momento ho visto i colleghi italiani piangere per i corridoi, è stato molto brutto”.

Allo stesso tempo, vede altri paesi che non adottano queste misure causando disordini. Ad esempio, questa politica non ha molto effetto in quanto i viaggiatori entrano nel paese attraverso la Francia senza essere controllati. “Ecco perché ho bisogno di due cose: in primo luogo gli Stati membri tracciano la stessa linea, e in secondo luogo ciò avviene anche su basi scientifiche”.

Divisione in Scienze

Il problema qui è che anche gli scienziati sono divisi su questo tema. Ad esempio, il virologo Ab Osterhaus afferma che è intelligente testare i viaggiatori dalla Cina. Il microbiologo Mark Panton, d’altra parte, afferma che non vi è alcun motivo scientifico per i test poiché il virus si sta diffondendo rapidamente anche in Europa.

READ  Solvay promette di affrontare gli sversamenti dalle fabbriche in Italia

Secondo lui, non ci sono segni che in Cina stia circolando una variante diversa da qui. De Lange vuole quindi che un gruppo di esperti europei si riunisca e consigli gli Stati membri con una caratteristica comune. “Ad esempio, il consiglio potrebbe essere quello di mantenere una mente aperta fino a quando non sembra che una nuova variante stia circolando in Cina. Ma non sono uno scienziato, quindi vorrei chiedere informazioni al Comitato consultivo medico europeo. “

Mantieni il controllo

De Lange sottolinea inoltre che molti Stati membri vogliono mantenere il controllo sulla diffusione del virus e sulle attività legate ai viaggiatori che entrano nell’UE. Per cambiare questo, molti contratti devono essere cambiati ed è una questione di pazienza.

Tuttavia, ritiene che la Commissione europea dovrebbe disporre di più strumenti per l’azione collettiva in tempi di crisi. “La mancanza di impegno deve sparire”, dice.

Vedi altro

“L’Europa ha imparato molte lezioni”

Nel complesso, De Lange ritiene che negli ultimi anni siano state apprese molte lezioni. “Ad esempio, se si guarda all’acquisto di dispositivi medici e vaccini, ci sono stati enormi progressi”.

Quindi, quando gli è stato chiesto se le aziende europee sono meglio preparate per il 2020, ha risposto affermativamente. “Ora è meglio della prossima volta. Ma io sono nel dibattito a lungo termine, forse dovremmo cambiare le nostre regole del gioco e l’Europa dovrebbe avere più poteri in questo settore”.