QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia vince il Motocross delle Nazioni, medaglia che batte il Belgio nel drammatico finale | Motocross

Il Belgio non vince il Motocross delle Nazioni dal 2013, ma grandi nomi come Jaco Geerts e Jeremy van Hoerbeek sono in fila per un viaggio in Italia.

Quindi a rappresentare i belgi c’erano i giovani Liam Everts e Cyril Gennot, Brent van Doninck. È andata sorprendentemente bene nelle prime due serie. Gennot (6°) e van Doninck (4°) hanno chiuso nelle subtop, mentre Everts (che ha recentemente debuttato nella classe MX2) ha ottenuto due migliori risultati con 13° e 17°.

I belgi sono stati secondi nell’ultima manche, a un solo punto dall’Italia, nazione ospitante. Ma dopo due cadute iniziali per Genot e van Doninck, ogni speranza di una medaglia è andata persa.

L’Olanda ha fatto un frenetico tentativo di estendere il proprio titolo con 1° (Herlings) e 3° (Goldenhof), ma l’Italia ha mantenuto la calma. Antonio Cairoli è stato comunque esonerato dopo il suo 21° posto nella prima serie, ma ha giocato un ruolo decisivo nel titolo arrivando 2° nella serie finale.

Per Cairoli, già nove volte iridato, la sua prima vittoria al Motocross delle Nazioni è arrivata 3 giorni dopo il suo 36esimo compleanno. L’Italia ha vinto solo due volte prima, nel 1999 e nel 2002.

1. Thomas Kerr Olsen (Tenn)
2. Tom Viale (Fr)
3. Ben Watson (GBR)
4. Arnaud Tonnes (Zwi)
5. Mattia Guadagnini (Ita)
6. Il piacere di Cirillo
9. Benoit Patural (FRA)
15. Glenn Goldenhoff (NETTO)
17. Liam Everts
18. Ron van de Moostijk (NET)
21. Antonio Cairoli (Ita)

1. Jeffrey Herlings (NET)
2. Antonio Cairoli (Ita)
3. Glenn Goldenhoff (NETTO)
4. Ben Watson (GBR)
5. Evgeny Babryshev (russo)
6. Shaun Simpson (GBR)
9. Mathys Boisrame (Fra)
11. Benoit Patural (Fr)
34. Brent Van Doninck
36. Il piacere di Cirillo

I Paesi Bassi sono i campioni in carica, la Francia ne ha vinte cinque di fila dal 2014 al 2018 e il Belgio ha vinto l’ultima volta nel 2013 (De Dyker, Van Horbeek, Desalle).