QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia vuole abbandonare il gas di Putin, ma un nuovo terminale GNL in Toscana deve affrontare una feroce opposizione

I piombinesi si oppongono fermamente all’arrivo del terminale galleggiante del gas naturale liquefatto. L’Italia vuole rimanere dipendente dalla Russia, ma i residenti temono che la mega-nave andrà a scapito della loro salute e dell’ambiente di vita.

Rosa Van Cool

Nessun rigassificatore, un semplice slogan che si legge in molte vetrine di Piombino, dai negozi di intimo alle farmacie. ‘Piombino non vuole il terminale GNL, niente industria siderurgica, niente rifiuti industriali’ squilla da un megafono montato sul tetto di un’auto in movimento.

Una famiglia tedesca in un mercato vivace si guarda intorno meravigliata, cercando da dove provenga il rumore. Piombino non è la parte della Toscana su cui si può fare affidamento per un turismo inspiegabile, ma ci vanno anche molti vacanzieri. Di solito non arrivano al viale ristrutturato, al mare limpido e scintillante e alle spiagge di ciottoli.

L’attivista Alessandro Dervischi (70) avverte che il traffico cambierà da marzo, se c’è un terminale galleggiante GNL, a poche centinaia di metri dal porto dei traghetti. Durante la consegna, le altre attività devono essere sospese secondo le norme di sicurezza. La scelta dell’ubicazione è legata alla breve distanza dalla rete del gas, che da lì dista otto chilometri.

Pazzo, pensa il chirurgo in pensione, la cui ultima preoccupazione sono le barche turistiche. Teme soprattutto che la nave di 40 metri per 300 porti inquinamento e incidenti nella sua città natale, che ha già visto soffrire molto.

Piombino, ad esempio, sa da anni cosa sia l’inquinamento. La fabbrica di ferro qui è stata chiusa nel 2014. Accanto alla città di 34mila abitanti, il complesso è oggi in stato di abbandono. Come in altre zone residenziali vicino alle acciaierie, alcuni tipi di tumori e malformazioni durante la gravidanza sono stati osservati con frequenza superiore alla media.

READ  Solvay si impegna ad affrontare le emissioni degli stabilimenti in Italia

Vecchie aree industriali e zone costiere attendono ancora l’insediamento. Il governo di Roma ha stanziato fondi per questo, ma finora è stato fatto poco. Aggiungete a ciò la discarica della fabbrica che è stata chiusa per anni, e non sorprende che l’arrivo della nuova industria pesante stia suscitando l’opposizione popolare.

GPL dal Qatar

“Il terminale GNL di Piombino dovrebbe essere pronto la prossima primavera”, ha assicurato a luglio il presidente del Consiglio Mario Draghi. ‘Non si può amare la sicurezza energetica e allo stesso tempo opporsi a infrastrutture come questa. È una questione di sicurezza nazionale».

Il governo di Draghi è caduto il giorno successivo, ma quasi l’intero spettro politico a Roma sostiene ancora la necessità di un terminale GNL a Piombino. Oltre a un ampio pacchetto di sostegno ai cittadini (17 miliardi di euro) per far fronte agli alti prezzi del gas ea un’imposta speciale sugli utili per le società energetiche, l’Italia è pienamente impegnata nella diversificazione delle fonti energetiche.

La dipendenza dell’Italia dal gas dalla Russia è la seconda più grande in Europa dopo la Germania, ma dopo la guerra in Ucraina, il governo italiano sta cercando alternative in tutto il mondo. Ad esempio, a giugno, il colosso energetico Eni ha firmato un contratto per un nuovo progetto GNL in Qatar, il cui terminale sostituirà il gas liquefatto a Piombino.

Gli oppositori del terminale GNL stanno raccogliendo firme da persone che la pensano allo stesso modo.Immagine per Volkskrant di Giulio Piccitelli

A Roma gli abitanti di Piombino sono accusati di essere affetti dalla sindrome di Nimbi (Non nel mio cortile) “O accetti il ​​terminale, o batti i denti il ​​prossimo inverno”, ha detto polemicamente il politico centrale ed ex presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Al mercato di Piombino, Roberta Decana (59) ride delle parole. Insieme a Dervish e altri attivisti, da mesi raccoglie firme contro il terminal qui sotto una tenda del Partito Bianco. C’è più di una rincorsa e Tegana riceve una pacca sulla spalla e parole di incoraggiamento.

“Comunque non gestiranno il terminal fino ad aprile, quindi non ha nulla a che fare con il prossimo inverno”, contraddice con veemenza le parole di Renzi. Sì, ammette la toscana, c’è un problema, ma pensa che la Roma stia spostando la sconfitta su Piombino. “Sono anni che non seguono una politica energetica e hanno investito molto poco nelle energie rinnovabili”.

L’ambiente critico ora serve come scusa per evitare pratiche ambientali e di sicurezza, afferma Dekhana. In una lettera alla Commissione Europea del Ministro dell’Ambiente Singolani, dichiara infatti che il progetto è stato esentato da una valutazione di impatto ambientale a causa della sua elevata urgenza.

Prezzo limite

Anche se presto potrebbe soddisfare a pieno regime il 6,5% della domanda di gas italiana, Dervishi non ritiene che il terminal risolverà il problema dei prezzi elevati del gas. “Le bollette continueranno a salire”, ha previsto cupamente. “E stiamo cambiando la dipendenza del Qatar dalla Russia”.

Come forza trainante del terminale GNL, Mario Draghi Piombino è popolare nel mercato, ma una cosa l’attivista derviscio deve consegnare al primo ministro uscente: ha cercato di imporre un tetto massimo europeo del prezzo del gas questa primavera. Ma i Paesi Bassi non lo volevano.

Mentre Roma vede il terminale GNL come un ricordo del passato, i politici locali sostengono gli attivisti. Tutti loro hanno preso parte a manifestazioni alla fine di luglio, dice Dervishi. Dai comunisti ai Fratelli d’Italia di estrema destra del sindaco e tutto il resto.

I residenti di Piombino non sanno per chi andranno a votare alle elezioni del 25 settembre perché nessun partito a livello nazionale sostiene la loro causa. Nonostante la battaglia sembri persa, a Piombino sono in programma nuove manifestazioni. Tekana ha anche preparato la sua risposta alla nuova accusa secondo cui “il terminale GNL non dovrebbe essere nel cortile di casa di nessuno”.