QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia vuole miliardi dal Recovery fund europeo al sud

Anche l’Italia vuole creare un sud arretrato con i fondi europei di rilancio per il Corona. È stato provato molte volte e di solito non funziona. Le contraddizioni ora sono migliori? Finché l’Europa ci tiene d’occhio, questa volta le cose sembrano cambiare in meglio.

Come un tempio moderno, la nuova stazione centrale di Matera risplende sotto il sole cocente. Le facciate in pietra naturale color sabbia e le eleganti lastre di acciaio scuro, coperte da un tetto in metallo con pannelli solari, sono sostenute da colonne argentate. Fuori, la creazione del famoso architetto Stefano Bori ha il fascino di un aeroporto, non di una stazione di paese dentro. Il treno diesel si ferma solo una volta ogni mezz’ora, portando lentamente alcuni passeggeri a Barry.

“Questa è una facciata”, ringhia Nicola Pavas degli anni Cinquanta con i baffi che si batte per collegare la Matera meridionale italiana con la Rete Ferroviaria Nazionale. Dice che la destinazione turistica di Madeira non ha bisogno di progetti architettonici, ma ha bisogno di una buona comunicazione con altre parti d’Italia. Da quarant’anni si lavora alla ferrovia Matera-Ferdinando, 40 chilometri a sud. Da lì è possibile raggiungere l’intero paese.

Sfortunatamente, quella ferrovia non fu mai completata. Pavas ci porta in una stazione fantasma fuori Modera. Alla fine degli anni ottanta era già stata posata. Gli alberi ora crescono tra i siti dove avrebbero dovuto esserci le rotaie. Sotto il precedente governo, furono fatti gli sforzi benevoli di Giuseppe Conte per riprendere il lavoro. I pilastri sulle piattaforme sono dipinti di fresco e, nel parcheggio più grande, i segnali stradali indicano la giusta direzione per gli automobilisti che non arrivano mai. Alcune sedie a rotelle sono dipinte sul manto stradale davanti all’edificio della stazione costruito in mattoni. La stazione non ha binari, ma dispone di parcheggi per disabili. Il lavoro è ripreso a causa di Corona. Ci auguriamo che il Fondo europeo per la ripresa possa finalmente essere utilizzato per completare le ferrovie”, ha affermato Pavas.

Progetto

Esattamente un anno fa, in occasione di un summit della maratona a Bruxelles, si parlava intensamente di un fondo di ripresa per riparare i danni economici dell’epidemia di corona, soprattutto nell’Europa meridionale. La maggior parte dei piani nazionali di risanamento è ora approvata. Miliardi inizieranno a fluire questa estate.

L’Italia è il maggior beneficiario, con 191,5 miliardi di euro: 68,9 miliardi di premi e 122,6 miliardi di debiti. Costruiranno linee ad alta velocità e cavi in ​​fibra ottica in tutto il paese. Si sta migliorando la gestione dell’acqua così come lo smaltimento dei rifiuti, che ora cade per lo più nelle mani della mafia. Sono importanti solo le aree meno importanti per il progetto. Bisogna ridurre la burocrazia e snellire il sistema giudiziario scomodo e lento per fare dell’Italia il Paese più attraente per fare affari.

Tuttavia, la tragica storia della ferrovia tra Modera e Ferdinando mostra che i soldi spesi in Italia non furono ben spesi. Diversi sforzi sono stati fatti per rafforzare l’economia italiana con fondi italiani ed europei. Il fondo di recupero riuscirà dove i tentativi precedenti sono falliti?

È importante nel Mesoziorno, nel sud Italia, afferma Eric Jones, professore di studi europei alla Johns Hopkins University di Bologna. “Il Nord Italia è la seconda area industriale più grande d’Europa, con un’enorme creatività”, afferma. Ma il sud è relativamente povero e arretrato, a due passi dal nord.

Basilicota

Nelle regioni meridionali, la Basilicata può avere le migliori prove per beneficiare dei fondi di recupero. All’11 per cento, la disoccupazione è alta, ma inferiore a quella della Calabria o della Sicilia (20 per cento). Basilicota ha più sonno dei poveri. Ci sono paesi faticosi su una strada principale dove nessuno si ferma tra le montagne, e il macellaio aspetta tutto il giorno qualche cliente. Gli anziani chiacchierano al monumento ai caduti, i giovani non si vedono mai. Sono partiti per l’Italia o il nord Europa in cerca di lavoro e opportunità.

Le infrastrutture in Basilicata stanno crollando. L’acqua è uno dei pionieri del programma di salvataggio italiano. La Basilicata ha molta acqua, ma perde attraverso tubi obsoleti. Le dighe non possono essere adeguatamente riempite perché le dighe non sono adeguatamente mantenute.

In Basilicata il lavoro delle condutture idriche non si fermerà mai. Sono così obsoleti che ci sarà sempre una perdita da qualche parte.Campo Giulio Biscitelli

Nei pressi di Lavello si trova la Diga della Rentina, lunga circa due chilometri. “Fino al 2001, l’acqua veniva raccolta qui in inverno in un bacino idrico per poter irrigare la nostra terra in estate”, afferma il coltivatore di pomodori Saverio de Siomo. “Ma la diga non è adeguatamente mantenuta. Nel cemento apparvero delle crepe e l’acqua salì. “Le saracinesche sono state aperte per paura di una svolta.

Il serbatoio si svuotò e la distesa d’acqua divenne una foresta a perdita d’occhio, con un pastore che pascolava il suo gregge. “Ora mi costa più denaro e fatica irrigare il mio terreno. Inoltre, con più acqua posso coltivare pesche e albicocche, così sarò meno dipendente da un raccolto”, afferma De Siomo. Gli agricoltori della zona stanno ora lottando per bonificare la diga con i soldi del fondo di salvataggio.

Questo non vuol dire che non siano stati fatti investimenti nel sud Italia prima. C’è un segno atmosferico sulla diga della Rentina con l’iscrizione di Kanda del Mesogiorno, 1957. La Casa del Mesoziorno è un fondo statale che ha investito miliardi nel Mezzogiorno tra il 1951 e il 1991, ogni anno lo 0,65 per cento del Pil… Ora questo palazzo è un monumento alle illusioni perdute, frustrate dall’incapacità di superare la tragica storia del Mesoziorno.

Giorgio storico

Al momento dell’Unità d’Italia nel 1861, c’era un divario tra il nord relativamente moderno e il sud feudale, dove i grandi proprietari terrieri mantenevano piccole le popolazioni. Negli anni ’30, sotto Mussolini, il dottor Carlo Levy fu deportato nel villaggio di Aliano in Basilicata. Ha scritto un libro a riguardo Cristo si è fermato a Eboli. Cristo si fermò nella città di Eboli, dove al sud c’era solo il regno divino della povertà e dell’ignoranza.

“Nessuno ha toccato quest’area se non come vincitore o nemico o spettatore oscuro”, ha scritto Levy. “Per i lucani Roma non è niente: è la capitale della nobiltà, il centro di uno Stato straniero e cattivo”.

Il Mesoziorno è sempre stata una terra di diffidenza, dove la vita ruotava intorno alla famiglia e alle relazioni, e la nozione di bene comune si aggravava. Così le riforme e gli investimenti sono evaporati nella difficile terra della negligenza, dell’incompetenza, della corruzione, del consumismo e della criminalità organizzata.

Gianfranco Dubido, già sindaco del paese di Salandira, sorge su una stradina in uno di quegli altipiani brulli e brulli dove Carlo Levy era più eloquente. Come tutti i luoghi della Basilicata, i mulini a vento ruotano in lontananza sulle montagne. “Tutta mafia”, dice Tobito. La mafia diventa verde anche chiedendo sussidi per i parchi eolici. Una volta che il denaro è disponibile per la distribuzione, la mafia è lì per prima. Non sarebbe diverso con il Fondo di rimborso europeo.

C’è un proverbio italiano che sentiamo spesso nel nostro tour in Basilicata: C’è un mare tra il dire e il fare. Il mare sta tra il dire e il fare. Tutti i progetti di lusso porteranno davvero a una maggiore crescita economica in Italia in modo che il Paese possa finanziare e ridurre il suo alto indebitamento (160 per cento del PIL)?

Riforma

Da un punto di vista puramente economico, Adrian Scout, ricercatore del Think Tank olandese per le relazioni internazionali, afferma che tale importo è molto basso. “Ma potrebbe spingere l’Italia a riformare”, dice. Tuttavia, lo scout è scettico. “Quei cavi in ​​fibra ottica vengono effettivamente tirati. Ma la riforma è molto difficile”.

Il professor Eric Jones di Bologna è molto ottimista. “Semplicemente ci è venuto in mente allora. L’Italia non supera improvvisamente la Germania. Ma le linee ad alta velocità del sud e la banda larga possono davvero trarre vantaggio da Internet. Mario Draghi ha fatto importanti riforme della burocrazia e della magistratura. Se ci riesce e il clima per gli investimenti migliora, si possono fare progressi reali “, ha affermato Jones. “Le riforme sono molto importanti. Il denaro non riformato non è il nostro obiettivo”, ha affermato Francesco Somma, presidente della Confederazione Confederazione Datori Industriali Basilica.

Tuttavia, il fondo di salvataggio è arrivato a una conclusione: Europa e Italia si sono riconciliate. Un anno fa, l’Italia era ancora più arrabbiata con l’Europa, in particolare con il ministro delle finanze olandese Hoocstra, che ha osato dire che il Paese aveva creato troppo pochi ammortizzatori per assorbire l’epidemia. “Come italiano, all’epoca sono stato umiliato, ma c’era una verità in questo”, afferma il coltivatore di pomodori Saverio de Siomo.

L’Europa è arrivata sul ponte con miliardi dal fondo di salvataggio. In Italia, la coalizione anti-europea di Leica e il movimento Cinque Stelle hanno portato a un governo di unità nazionale filo-europeo sotto Mario Tragi. Eppure l’equilibrio tra Italia ed Europa resta debole, dice Eric Jones. E se Mario Draghi lasciasse le elezioni del 2023 come previsto? L’estrema destra Leca e la pari-destra Fratelli de Italia stanno guidando le elezioni.

Ma per ora c’è poca pace. Entro la primavera del 2020, quasi la metà degli italiani era favorevole a lasciare l’Italia, rispetto al solo 24% di novembre. Le persone con cui parliamo in Basilicata dicono tutte la stessa cosa: Europa, assicurati di stare con noi! Finché l’Europa starà a guardare, le cose cambieranno in meglio questa volta.

“L’esecuzione è sempre stata un problema in Italia”, afferma l’imprenditore Francesco Soma. “Il fondo di salvataggio è un’opportunità eccezionale per avvicinare l’Italia al sud e al nord. Grazie all’Europa possiamo rompere il passato. ”

Secondo i critici, la nuova stazione centrale di Modera è essenzialmente una facciata.  Tutto brilla, brilla, ma ogni mezz'ora c'è un solo troll, in partenza per Barry.  Statua Giulio Biscitelli
Secondo i critici, la nuova stazione centrale di Modera è essenzialmente una facciata. Tutto brilla, brilla, ma ogni mezz’ora c’è un solo troll, in partenza per Barry.Campo Giulio Biscitelli

READ  Electron fa 'autostrada di ricarica' in Italia