QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia vuole riconoscere il suo espresso come Patrimonio dell’Umanità

Secondo il governo di Roma, ci sono cose in italiano che sembrano una tazza di caffè espresso. Quindi il metodo per trasformare piccole tazzine di caffè forte in una tradizione astratta ha bisogno di un riconoscimento internazionale.

Il viceministro dell’Agricoltura Gian Marco Sentinello ha presentato una richiesta al Comitato Nazionale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO). Se la domanda viene approvata, andrà alla società madre a Parigi. “In Italia, il caffè è più di una semplice bevanda”, ha detto Sentinello, secondo il canale televisivo Sky TG24

Con candidature concorrenti dal sud di Napoli e dal nord di Treviso, un precedente tentativo di ottenere il riconoscimento dell’UNESCO fallì a causa di conflitti interni. Ma ora c’è una domanda nazionale collettiva. Il viceministro Sentinel ha piena fiducia in questo. Per lui bere l’espresso è “un rito sociale e culturale” e “parte integrante della nostra identità nazionale”.

leggi di più:

Nella “boutique del caffè” bevi un caffè con toni di frutta

Lotte Kungeler (28) ha aperto LOT a Delft cinque mesi fa, non una normale caffetteria, ma Una boutique del caffèe.

Beviamo il caffè migliore, più costoso e pazzo. E meno

Gli olandesi bevevano meno caffè quindici anni fa, ma ci spendono di più. “Allora ci è semplicemente venuto a conoscenza Mi importava davvero del caffè

A un po’ di italiano non piaceva il costoso Starbucks Frapuccino

Starbucks ha aperto la sua prima filiale italiana. Le associazioni dei consumatori pensano al caffè Lacrima