QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo scandalo FBSA è solo la punta dell’iceberg alla 3M? Altro materiale senza licenza trovato su 3M | interni

Nei risultati del primo campione presso l’azienda chimica 3M, oltre a FBSA, è stata trovata una seconda sostanza per la quale 3M non ha una licenza. Inoltre, i documenti mostrano che 3M a Zwijndrecht ha effettivamente prodotto un terzo materiale nel 2006 senza menzionarlo. Sembra sempre più che questa sia solo la punta dell’iceberg.




(Leggi di più in una conversazione con il giornalista investigativo Jonas Muellert il 24 agosto)

La ricerca di FBSA, la sostanza nociva per la quale 3M non era autorizzata, ha prodotto risultati più rapidi del previsto. Giovedì e venerdì scorso, l’Ispettorato ambientale ha prelevato campioni di acque reflue 3M. Lo ha fatto dopo che VTM Nieuws e Het Laatste Nieuws hanno rivelato che l’azienda chimica aveva smaltito illegalmente FBSA a Schelda. I primi risultati confermano già la presenza di FBSA nelle acque reflue, ma è stata trovata anche un’altra sostanza: Me-FBSA.

“Questa è una forma di FBSA, in cui il metile è stato aggiunto a FBSA”, spiega il professore. Jan Titgat (KU Leuven). “Il gruppo metilico può garantire che il prodotto acquisisca proprietà diverse, ad esempio una maggiore resistenza all’acqua”. Tytgat dice se questo rende il prodotto più tossico di FBSA. “Quello che sappiamo è che il metile verrà scomposto prima attraverso il fegato. Questo tipo di sostanza probabilmente rimane nel corpo un po’ più a lungo dell’FBSA, ma è puramente teorico”.

senza licenza

Quello che è certo è che 3M non ha nemmeno una licenza per questo prodotto. Questo diventa chiaro quando controlliamo il permesso ambientale. Tuttavia, secondo l’Agenzia fiamminga per l’ambiente e la provincia di Anversa, devono avere un permesso di scarico per ogni singola sostanza. Quindi sembra che anche 3M distribuisca illegalmente questa sostanza a Schelda.

READ  3M "applicano immediatamente" il divieto di scarico dell'acqua | interni

ma, questo non è tutto. Un documento 3M del 2006 mostra che il sito produttivo di Zwijndrecht stava producendo anche un’altra sostanza potenzialmente tossica: Me-FBSE. Non sono sicuro che lo sia ancora. Tuttavia, il tessuto non è specificato da 3M. Il documento fa parte di una causa intentata dallo stato americano del Minnesota nel 2010 contro 3M per contaminazione diffusa dell’acqua potabile con PFAS. Nel 2018, 3M ha scelto di pagare un insediamento di almeno $ 850 milioni (equivalenti a $ 924 milioni o € 785 milioni oggi). Il fascicolo del tribunale contiene un documento datato 3 gennaio 2006, preparato da 3M, in cui viene condotta una ricerca tossicologica per Me-FBSE. Il documento elenca anche i due siti produttivi in ​​cui il materiale veniva prodotto in quel momento: lo stabilimento di Decatur (Alabama) negli Stati Uniti, dove è stato scaricato illegalmente anche FBSA, e “3M Zwijndrecht ad Anversa”.

Nota che l’azienda chimica di Anversa trattiene in gran parte ciò che produce, utilizza e smaltisce a Schelda. Quando 3M è stata costretta ad ammettere nel 2019 di aver scaricato illegalmente FBSA in un fiume presso l’impianto di Decatur in questione, si è scoperto che erano presenti altre cinque sostanze oltre a quella sostanza senza autorizzazione. In questo senso, lo scarico illegale dell’FBSA a Schelda è probabilmente solo la punta dell’iceberg.

Leggi anche. I primi risultati confermano che 3M ha già eliminato la sostanza nociva FBSA a Schelda