QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo screening del cancro cervicale condivide il 50% nel 2020


Uno stadio primario del cancro del collo dell’utero è stato trovato in 3.413 partecipanti

Nel 2020, il 50% delle donne invitate ha partecipato allo screening del cancro del collo dell’utero. Questo è evidente dallo schermo che appare oggi. Nei tre anni precedenti questa era una media del 57%. Sono state esaminate un totale di 296.487 persone. Uno stadio primario del cancro cervicale è stato trovato in 3.413 partecipanti.

La pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto sullo screening della popolazione nel 2020. Tra il 16 marzo e il 1 luglio 2020, lo screening del cancro cervicale è stato interrotto. Di conseguenza, circa 600.000 persone hanno ricevuto un invito nel 2020, invece delle 800.000 donne invitate ogni anno. Condividi il 50% di questi. Durante l’epidemia, i partecipanti hanno scelto più spesso un set di autocampionamento rispetto agli anni precedenti.

Presa
Per compensare l’arretrato, ogni settimana viene inviato il 20% in più di lettere di invito. Alcune delle donne invitate nel 2020 hanno già partecipato. Le donne che non hanno risposto all’invito (ad esempio perché non volevano andare dal medico di base) riceveranno una lettera che le informa che possono ancora partecipare.

guadagni di salute
L’HPV è il virus che può causare il cancro del collo dell’utero. Questo virus è stato trovato nel 9,5% dei partecipanti all’esame della popolazione. La maggior parte di questi è ricaduta nella fascia di età giovanile di 30-35 anni. Questo è anche il gruppo con il tasso di coinvolgimento più basso. Un totale di 8.700 partecipanti sono stati indirizzati direttamente a un ginecologo per un esame di follow-up. Questo rappresenta circa il 3% del numero totale dei partecipanti. Uno stadio iniziale di cancro cervicale è stato trovato in 3.413 partecipanti (1,2% del numero totale di partecipanti). Questi tassi di rilevamento sono paragonabili agli anni precedenti.

Screening della popolazione del cancro cervicale
Ogni anno circa 800 donne nei Paesi Bassi sviluppano il cancro del collo dell’utero e circa 200 donne muoiono a causa di questa malattia. Questo è il motivo per cui le donne di età compresa tra 30 e 60 anni ricevono un invito ogni 5 anni per un Pap test dal proprio medico di famiglia. Grazie allo screening della popolazione, è possibile rilevare le prime fasi del cancro del collo dell’utero. La fase iniziale del cancro cervicale è solitamente curabile. Il cancro cervicale può essere prevenuto con il trattamento.

Il Netherlands Comprehensive Cancer Center (IKNL Comprehensive Cancer Center nei Paesi Bassi) esegue la sorveglianza annuale dello screening della popolazione per conto dell’Istituto nazionale per la salute pubblica e l’ambiente (RIVM). Lo scopo del dispositivo di monitoraggio è monitorare la qualità dello screening del cancro cervicale e identificare tendenze importanti.

maggiori informazioni
Monitor per lo screening del cancro cervicale 2020
Screening della popolazione del cancro cervicale


Informazioni aggiuntive…

Consultare la fonte e/o il provider per ulteriori informazioni su questa lettera. Le notizie possono cambiare e includere errori o imprecisioni. Leggi anche disclaimer occupazione Rapporto Per favore messaggi, commenti e/o foto in conflitto con Termini.

Fare clic sui tag di seguito per i post correlati, se presenti…

Nome dell’autore e/o editore di: RIVM
Fotografo o agenzia fotografica: INGImages
La fonte di questo articolo: RIVM
Qual è l’URL di questa risorsa?: https://www.rivm.nl/nieuws/deelname-aan-bevolkingsonderzoek-baarmoederhalskanker-was-50-in-2020
Titolo originale: La partecipazione allo screening del cancro cervicale ha raggiunto il 50% nel 2020
il pubblico di destinazione: Operatori sanitari, decisori politici, operatori sanitari informali e studenti
Data: 2021-09-16

READ  Medicina stampata in 3D per bambini