QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo studente Wallon testimonia della n-word e del saluto nazista Walpole a Pukkelpop: “Se fossi bianco, questo non sarebbe mai successo”

© Sven Dilling

Uno studente dei Vervier ha deciso di sporgere denuncia alla polizia per razzismo a Pukkelpop. Lo ha detto lunedì alla radio RTBF. La Procura della Repubblica sta indagando anche su due aggressioni sessuali e su un caso di voyeurismo avvenuti durante il festival.

Thibaut Rinson

“Per caso, eravamo sdraiati vicino alle tende dove sventolava la bandiera fiamminga”, ha testimoniato Nathanael, 21 anni, a RTBF. “Quando i nostri vicini hanno sentito che io e il mio amico non parlavamo olandese, hanno iniziato a separarsi da noi. All’inizio hanno detto ‘non parliamo francese qui’, e poco dopo sono venuti a fare pipì nella nostra tenda. Hanno detto ‘O muovi la tua tenda, o ti spostiamo noi stessi.'”

Lo studente di musica Wallon testimonia anche di un altro incidente in cui i passanti parlano n parola. In un altro concerto, Natanaele dice che le persone si sono avvicinate a lui con i saluti nazisti e i baffi di Hitler. “Se fossi stato bianco, questo non sarebbe mai successo”, dice Natanaele, un Metis. Il giovane ha deciso di sporgere denuncia alla polizia di Verviers, dove vive.

Questa non sarebbe la prima volta che si verificano incidenti di matrice razzista a Pukkelpop. Nel 2018 due donne di colore sono state minacciate da un gruppo di giovani uomini. Hanno anche cantato canzoni razziste come Tagliati le mani, il Congo è nostro. Agli autori è stato quindi ordinato di visitare la caserma Dossen e il Museo dell’Olocausto che lo accompagna.

L’ufficio del procuratore del Limburgo sta anche indagando su tre denunce di crimini sessuali durante la versione precedente di Pukkelpop. Due parlano di aggressioni indecenti, l’altro di voyeurismo.

READ  Sami Nirnick segnala Tor, ma guarda avanti: 'Ho di più da offrire' | Televisione