QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo studio afferma che due porzioni di pesce a settimana “aumentano il rischio di cancro della pelle più mortale”

La ricerca suggerisce che mangiare pesce regolarmente aumenta il rischio di cancro della pelle.

Gli esperti americani hanno considerato il consumo e la possibilità di sviluppare un cancro della pelle maligno.

Hanno scoperto che coloro che individuavano 43 once di pesce al giorno – circa due pasti a settimana – avevano il 22% in più di probabilità di ammalarsi rispetto a coloro che mangiavano pesce raramente.

Gli scienziati ritengono che i contaminanti nei frutti di mare possano essere alla base di questo collegamento.

Il SSN afferma che una dieta sana dovrebbe includere due porzioni da 140 g di pesce grasso (salmone, sardine o trota) ogni settimana.

Altri esperti hanno affermato che non è necessario smettere di mangiare nonostante i risultati allarmanti.

Camminare avrebbe potuto uccidermi

Lo studio, pubblicato sulla rivista Cancer Causes & Control, ha esaminato l’assunzione di 491.367 adulti.

Il ricercatore capo, Eunyoung Cho, della Brown University negli Stati Uniti, ha dichiarato: “I nostri risultati hanno identificato un’associazione che richiede ulteriori ricerche.

“Ipotizziamo che i nostri risultati possano essere attribuibili a contaminanti nei pesci, come PCB, diossine, arsenico e mercurio.

“Precedenti ricerche hanno dimostrato che mangiare più pesce è associato a livelli più elevati di questi inquinanti nel corpo e ha identificato l’associazione tra questi inquinanti e un aumentato rischio di cancro della pelle”.

A circa 16.200 persone viene diagnosticato un cancro della pelle ogni anno nel Regno Unito, rendendolo il quinto tumore più comune.

Commentando lo studio, gli esperti britannici hanno affermato che non c’era motivo per cui le persone cambiassero la loro dieta.

Dott. Michael Jones, dell’Institute of Cancer Research London, ha dichiarato: “Gli autori hanno scoperto che un consumo maggiore di pesce e tonno non fritto era associato al cancro della pelle.

READ  Il nuovo sistema CRISPR-Cas taglia l'RNA virale

Questi risultati erano statisticamente significativi e quindi improbabili per caso.

“Nessuno studio dovrebbe essere considerato isolatamente e sono necessarie ulteriori ricerche per vedere se i risultati di questo studio sono replicabili.

“Una dieta sana ed equilibrata dovrebbe includere il pesce e i risultati di questo studio non cambiano questa raccomandazione”.

Il professor Stephen Duffy, professore di screening del cancro alla Queen Mary University di Londra, ha aggiunto che i risultati dello studio sono stati sorprendenti.

Tuttavia, ha detto che i paramedici hanno posto più domande di quante abbiano risposto sul giornale.

“L’impatto stimato del consumo di pesce sul rischio è piccolo”, ha affermato il professor Duffy.

“Un aumento del consumo medio del 1.200 percento è associato solo a un aumento del 22 percento del rischio di cancro della pelle.

Puoi speculare sul potenziale di confusione con la pesca, che si tratti di un’attività ricreativa o professionale, che potrebbe portare a una maggiore esposizione al sole.

“Inoltre, il fatto che non ci sia stato un aumento del rischio con il pesce fritto, e forse una diminuzione, necessita di una spiegazione”.

Ha aggiunto che la stima dei rischi associati all’alimentazione è irta di difficoltà.

Ha detto questo, perché l’associazione con i problemi di alimentazione può essere collegata anche ad altri fattori di rischio.

Paghiamo per le tue storie!

Hai una storia per The Sun News Desk?