QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo studio di Oxford ha mostrato che i vegetariani hanno meno probabilità di sviluppare il cancro rispetto a quelli che mangiano carne

Attraverso Redazione in linea


Un gruppo di ricercatori dell’Università di Oxford ha analizzato il comportamento alimentare di oltre 470.000 britannici e il suo possibile legame con il rischio di malattie. Sulla base della loro analisi, sembra che ci siano davvero molti benefici per la salute che si possono ottenere seguendo una dieta a basso contenuto di carne. “Le persone che mangiano meno carne, mangiano meno pesce o seguono uno stile di vita vegetariano erano associate a un rischio inferiore di tutti i tipi di cancro rispetto ai mangiatori di carne”, afferma lo studio. I loro risultati sono in linea con i consigli attuali sul consumo di meno carne rossa e lavorata e più cereali integrali, frutta e verdura.

Nello specifico, lo studio ha concluso che i pescetariani (persone che non mangiano carne, ma mangiano pesce) hanno un rischio inferiore del 10% di sviluppare il cancro. Secondo lo studio, le persone che mangiano carne meno di sei volte a settimana hanno un rischio inferiore del 9% di cancro al colon rispetto alle persone che mangiano carne molto e, quindi, regolarmente. Lo stesso gruppo aveva anche un rischio complessivo inferiore del 2% di sviluppare il cancro. Le donne che mangiano vegan hanno il 18% di probabilità in meno di sviluppare il cancro al seno in postmenopausa. Gli uomini vegetariani hanno un rischio inferiore del 31% di sviluppare il cancro alla prostata e gli uomini pescatari hanno un rischio inferiore del 20% rispetto a quelli che mangiano carne.

READ  Virus suino rilevato in un paziente deceduto con cuore di maiale

Altri fattori di rischio

Tuttavia, c’è un avvertimento: i ricercatori sottolineano che i loro risultati non mostrano ancora una relazione causale diretta tra l’assunzione di carne e il rischio di cancro. Anche altri fattori di rischio come il fumo e il grasso corporeo possono contribuire a questa malattia. “Il minor rischio di cancro al colon nelle persone che mangiano meno carne è coerente con le prove precedenti che il consumo di carne ha un effetto negativo. I ricercatori di Oxford affermano che il minor rischio di cancro al seno delle donne dopo la menopausa è probabilmente spiegato dal loro BMI più basso. Per quanto riguarda il cancro alla prostata , i ricercatori sono più cauti nelle loro conclusioni e indicano altri fattori di rischio.

Tuttavia, hanno sottolineato che il loro studio mostra che i comportamenti alimentari, come la riduzione di carne e pesce, possono ridurre il rischio di alcuni tipi di cancro. In questo caso si tratta principalmente di cancro al colon, alla mammella e alla prostata.