QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo studio mostra: la metà dei pazienti Corona ricoverati soffre di complicazioni

Porta Metronieuws.nl


Tra i pazienti del gruppo di studio sopravvissuti all’infezione, il 45 percento ha sviluppato tali complicazioni. Lo calcolano i ricercatori della rivista scientifica The Lancet.

73.000 pazienti con coronavirus sono stati testati

I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 73.000 pazienti COVID-19 che si trovavano negli ospedali britannici con Covid-19. Di questi pazienti, il 28% è morto entro un mese. Le complicanze erano più comuni nei pazienti che non sono sopravvissuti alla malattia. Tuttavia, una percentuale significativa di pazienti che lasciano l’ospedale in vita ha anche altri problemi di salute. Questi problemi si sono aggiunti all’infezione polmonare causata dal virus Corona.

Le complicanze sono più comuni negli anziani, ma anche in una percentuale significativa di pazienti più giovani. Nel gruppo di età compresa tra 19 e 29 anni, il 27% ha riscontrato ulteriori problemi. Questo è stato il caso del 37% dei pazienti di età compresa tra 30 e 39 anni. “Sebbene i pazienti di età inferiore ai 50 anni abbiano un basso rischio di morire di Covid-19, abbiamo riscontrato alti tassi di complicanze in tutte le fasce di età”, hanno affermato i ricercatori.

Molti pazienti hanno già la condizione

Otto pazienti su dieci avevano già un’altra condizione prima del ricovero. Le persone con malattie cardiovascolari e polmonari croniche finiscono spesso in ospedale a causa del COVID-19.

READ  Il virologo Johann Nets si aspetta una cura per il Covid in autunno

Una domanda è quanto durano i problemi di salute aggiuntivi. Identificando i problemi a breve termine, i ricercatori sperano anche di contribuire a una migliore comprensione. Comprendi lo stress a lungo termine che la pandemia di coronavirus eserciterà sui sistemi sanitari. “E a coloro che sono sopravvissuti al Covid-19”.

The Lancet è una rivista medica britannica dal 1823. È considerata da molti studiosi di medicina una delle riviste scientifiche più popolari. Questo si aggiunge al Journal of Nature and Science e al New England Journal of Medicine.