QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo studio: non esiste una malattia corona più grave dovuta all’ibuprofene

In uno studio pubblicato sabato sulla principale rivista di settore Lancet Rheumatism Ha concluso che la preoccupazione era ingiustificata. Gli autori hanno affermato che i farmaci “non esacerbano la morte né peggiorano la malattia” nel Covid-19. Raccomandano ai medici di continuare a prescrivere i FANS come in passato.

Risultati peggiori

L’autore principale Ewen Harrison, professore presso l’Università di Edimburgo, ha dichiarato: “Quando l’epidemia è iniziata un anno fa, dovevamo assicurarci che questi farmaci comunemente usati non causassero esiti peggiori nei pazienti Corona”.

“Ora abbiamo una chiara evidenza che i FANS sono sicuri per l’uso da parte dei pazienti Covid-19, il che dovrebbe rassicurare medici e pazienti in modo che i farmaci possano essere usati come erano prima dell’inizio dell’epidemia”.

Leggi anche
Accordo concluso: Pfizer sta fornendo all’Unione Europea altri 1,8 miliardi di vaccini

Ampia ricerca

Lo studio ha utilizzato i dati di 72.000 pazienti con coronavirus ricoverati in 255 ospedali in Inghilterra, Scozia e Galles tra gennaio e agosto 2020. Di questi, 4.211 pazienti hanno assunto FANS prima del ricovero in ospedale.

La differenza di mortalità tra le persone che hanno assunto il farmaco e quelle che non si erano dimostrate negligenti. Lo stesso si può dire della differenza nell’ammissione di CI, nella respirazione artificiale o nella necessità di ossigeno aggiuntivo.

READ  MS Fund cerca collezionisti MS Collectiveweek