QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’obesità è la nuova forma di povertà

ANP / DIJKSTRA BV

Un numero crescente di olandesi è obeso. L’approccio a questa “malattia cronica” richiede un approccio “coraggioso” da parte del governo e di professionisti che sono fuori dal loro “campo”.

È una “epidemia al rallentatore”, afferma il professor Jet Bosemaker. Porta a “l’ultima forma di discriminazione socialmente accettabile rimasta”, secondo l’endocrinologo internista e professore Lisbeth Van Rossum. Parliamo di obesità. La metà della popolazione olandese è in sovrappeso e circa il 14% è obeso (CBS). Per le persone di basso status socioeconomico, questa percentuale raggiunge il 30%. I numeri possono variare leggermente, ma sono abbastanza urgenti per un dibattito nazionale.

Il 29 settembre, la Dutch Obesity Foundation ha tenuto una “prima edizione” di una conversazione tra rappresentanti della sanità (van Rossum), della scienza (Busmaker), della politica (membro del D66 Peter van der Voort) e dell’industria (Mark Jansen dell’Ufficio centrale per Food Trade – “Supermercati”).’), la compagnia di assicurazione sanitaria (Jean-Paul van Haarlem, ONVZ) e l’esperto, Koos Woltjes.

Liesbeth van Rossum è specializzata nella ricerca sulle cause e sul trattamento dell’obesità e sul ruolo degli ormoni dello stress nel corpo. L’obesità non è tanto una questione di eccesso di peso quanto è un sottile ma piuttosto un eccesso di grasso. Centinaia di ormoni che vengono prodotti in esso vengono interrotti. La maggior parte delle persone è in sovrappeso, o talvolta obesa, per vari motivi. Ad esempio, una combinazione di uno stile di vita malsano, stress, mancanza di sonno, fattori sociali o effetti collaterali dei farmaci. In alcuni casi c’è una malattia sottostante o una predisposizione genetica.

intervento sullo stile di vita

Perdere peso una volta che sei obeso è difficile. Ecco perché Van Rossum chiede una maggiore prevenzione primaria, come un “ambiente alimentare” più sano, per evitare che più persone diventino sovrappeso. Per gli adulti già obesi, da due anni l’intervento combinato sullo stile di vita (GLI) è compensato dal pacchetto base. Ammette che questo ha un buon effetto sul peso per alcuni, ma non per tutti.

READ  Reda GGD e il comune: in calo i contagi da corona e tante vaccinazioni

Ulteriori trattamenti sono farmaci per la perdita di peso (non compensati) o talvolta interventi chirurgici allo stomaco (compensati). Secondo la linea guida, le persone obese dovrebbero ricevere un tipo più intenso di GLI con la terapia cognitivo comportamentale come primo passo, ma questo non viene compensato. Oltre a una migliore prevenzione, anche l’intero pacchetto di cure deve essere compensato, perché solo combinando la prevenzione dell’obesità con un trattamento appropriato possiamo rendere più persone con un peso sano.

L’ex ministro Bussemaker, ora professore di Scienze, politiche e impatto sociale (LUMC), ha risposto che l’obesità non è tanto un problema di salute quanto sociale. “È una nuova forma di povertà”. Sostiene che dobbiamo essere meno ingenui (“mangiare sano non è una scelta individuale”) e pensare in modo più radicale, “Anche nel Regno Unito sono più proattivi riguardo alla tassa sullo zucchero”. Secondo Bussemaker, puoi curare l’obesità solo trattandola in modo diverso. Abbiamo bisogno di un governo che osa essere coraggioso, raccolga fondi e agisca. Funziona sui prerequisiti per una vita sana. Proteggi i quartieri dalla proliferazione delle catene di fast food e aumenta i mezzi di sussistenza attraverso la cancellazione del debito.

problema del debito

I medici dovrebbero anche essere in grado di guardare il problema in modo diverso, crede van Rossum. Il campo medico deve essere combinato con il campo sociale. Pensa a un paziente che viene dal medico con disturbi al ginocchio. Il dottore dice: “Vedo che sei sovrappeso. Ti dispiacerebbe parlare anche di questo?”

Il chirurgo bariatrico del reparto ha risposto: “Sono in un silo ospedaliero. Posso fare un intervento chirurgico al mio paziente per un intervento di bypass gastrico. Ma poi vorrei dare di più a tutta la sua famiglia, magari per insegnargli a cucinare”. sano. Mi piacerebbe fare di più nella prevenzione. Ma come?’ Van Harlem, a nome degli assicuratori sanitari, ha dimostrato che “il sistema” non sempre collabora. Un altro medico della stanza, un internista, ha chiesto dove sia la ricerca scientifica di base sulle cause dell’obesità. “Come va? Noi” ho a che fare con il controllo dei sintomi.’

READ  Quello che sappiamo sulla malattia polmonare da Covid

Lo stigma associato all’obesità è stato intenzionalmente escluso dalla discussione. Così è “l’industria che colpisce”. Almeno questa era l’intenzione. Ma sembra difficile parlare di obesità senza menzionare il ruolo dei supermercati che tentano gli acquirenti con “opzioni malsane” e “vendono sei metri di panpepato già ad agosto”, come ha affermato un esperto di esperienza pubblica ormai scarso.

Il grande dibattito sull’obesità (29 settembre) guarda indietro: Fondazione olandese per l’obesità



Leggi anche