QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’oligarca russo offre all’Ucraina un miliardo di dollari in cambio della revoca delle sanzioni | Guerra tra Ucraina e Russia

Si dice che l’oligarca russo Mikhail Fridman, 57 anni, abbia offerto all’Ucraina 1 miliardo di dollari (990.000 euro) per sbarazzarsi delle sanzioni occidentali in vigore contro di lui da marzo. Lo ha scritto il quotidiano economico americano “The Wall Street Journal”.

Friedman è uno dei fondatori di Alfa Bank, la più grande banca non statale in Russia. La rivista di settore Forbes stima attualmente la sua fortuna a 13,3 miliardi di dollari, o 13,12 miliardi di euro.

L’oligarca vuole trasferire 1 miliardo di dollari del suo denaro personale a una banca ucraina che ha aiutato a fondare. E così nella speranza che gli inglesi ritirino le sanzioni nei suoi confronti. In questo modo può decidere ancora una volta da solo cosa spendere e dove andare.

Banche

Friedman non sarà l’unico oligarca sanzionato a fornire denaro all’Occidente, secondo i funzionari statunitensi. Si dice che ci abbiano provato anche alcune società e banche.

L’Ucraina non sarà interessata e sottolinea che lo scopo delle sanzioni è porre fine alla guerra. “Le sanzioni non vengono utilizzate per la negoziazione… è un principio”, ha affermato.

Nel caso di Friedman – nato in Ucraina – il presidente Volodymyr Zelensky vorrebbe un’eccezione. Dovrà condannare il presidente russo Vladimir Putin, distruggere il suo passaporto russo ed essere più critico nei confronti dell’invasione russa dell’Ucraina.

Cittadinanza

Lo stesso Friedman ha negato di aver chiesto all’Ucraina di ottenere la cittadinanza ucraina. In precedenza aveva anche affermato che l’oligarchia russa non poteva fare nulla per persuadere Putin a fermare l’invasione. Gli oligarchi sanzionati non gli saranno abbastanza vicini per questo, secondo un oligarca del Wall Street Journal.

READ  Il Parlamento europeo elegge il nuovo Segretario generale dopo una controversa nomina | All'estero

Il CEO di Lukoil muore a Mosca “dopo essere caduto dalla finestra dell’ospedale”

La televisione di stato russa ha smesso di funzionare dopo i successi sul campo di battaglia in Ucraina: “Sono stati commessi errori? Sì, molto probabilmente”