QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’OMS abbassa le soglie di allerta per l’inquinamento atmosferico: l’aria cattiva è molto più dannosa di quanto si pensasse a lungo | All’estero

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha abbassato i limiti raccomandati per sei inquinanti atmosferici. I valori delle linee guida dell’OMS sono più rigorosi di quelli dell’Unione Europea. Secondo l’organizzazione, gli studi hanno dimostrato che l’aria cattiva danneggia gli esseri umani più di quanto si credesse a lungo. Questi includono il particolato e il biossido di azoto (NO2).




Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sette milioni di persone nel mondo muoiono prematuramente ogni anno a causa dell’inquinamento atmosferico. Se i paesi aderiscono ai nuovi valori soglia, milioni di vite potrebbero essere salvate. L’inquinamento atmosferico provoca malattie cardiovascolari e respiratorie. Insieme al cambiamento climatico, questa è una delle minacce più importanti per la salute.

Le linee guida riguardano il particolato, l’ozono, il biossido di azoto, il biossido di zolfo e il monossido di carbonio.
Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, afferma che l’inquinamento atmosferico colpisce tutti i paesi, ma i paesi poveri sono le vittime peggiori.

Nel 2019, oltre il 90% della popolazione mondiale viveva in aree in cui le concentrazioni di particolato superavano i limiti fissati dall’Organizzazione mondiale della sanità circa 15 anni fa. Tuttavia, quasi l’80% dei decessi correlati potrebbe essere evitato se l’inquinamento fosse ridotto alle soglie delle nuove linee guida.

READ  Dichiarata incostituzionale la chiusura primaverile 2020 di Spa...