QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’OMS mette offline importante rapporto Corona per placare l’Italia…

A maggio, l’OMS si è messa offline un giorno dopo la pubblicazione di un rapporto che criticava la risposta dell’Italia alla prima ondata di Corona. “A causa degli abusi”, sembra ufficialmente. Secondo Difensore Tuttavia, c’era la pressione politica. “Questo rapporto avrebbe potuto evitare la morte”.

Il rapporto, intitolato “Sfida senza precedenti: l’atteggiamento dell’Italia verso la prima ondata”, analizza in 102 pagine come l’Italia ha reagito al primo focolaio del virus corona. È apparso sul sito web dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) il 13 maggio. Il giorno dopo era già sparito. La spiegazione ufficiale era che c’erano “irregolarità” in esso, ma secondo Difensore Il documento è stato rimosso per ulteriori motivi oscuri.

UN Ricerca Difensore L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha accusato il ministro della Sanità italiano Roberto Speranza di aver messo offline il rapporto. L’autore del documento del quotidiano britannico Francesco Zamboan e si è basato sulla testimonianza delle e-mail che hanno portato alla consultazione tra l’autore e il direttore europeo dell’OMS Hans Cluj e l’assistente del direttore generale Ranieri Guerrero.

Piano d’azione obsoleto

Si sperava che questa analisi aiutasse a ridurre il numero di decessi in altri paesi che non sono ancora colpiti dal virus, ma un paragrafo sarebbe stato più importante. Dopotutto, il rapporto sottolinea che il piano di emergenza italiano per le epidemie non è cambiato in quattordici anni. Di conseguenza, la risposta iniziale all’epidemia negli ospedali è stata “impreparata, avanzata e confusa”.

Ranieri Guerrero, vicedirettore generale per la strategia dell’OMS, avrebbe esortato Zambana a rimuovere il passaggio. L’insegnante ha rifiutato. Dopotutto, tra il 2014 e il 2017, Guerrero è stato responsabile dell’aggiornamento del piano d’azione. Durante questo periodo, è stato approvato dal Ministero della Salute italiano. Ha espresso preoccupazione nelle e-mail che il rapporto non avrebbe tenuto conto della “sensibilità politica del ministro”. Ha anche menzionato i fondi che l’OMS ha ricevuto dall’Italia.

READ  Highlights TV per il 14 marzo: Grammy Awards in Italia e Doc | tv

“Ministro deluso”

Il ministro italiano ha scritto “molto deluso” in una mail all’editore il giorno della pubblicazione del direttore dell’Oms Hans Cluj. Ha promesso di cancellare i riassunti, ma il rapporto non è stato ristampato. Il ministro della Salute italiano Roberto Speranza avrebbe tenuto tra le mani la sintesi del rapporto un mese prima della sua pubblicazione. Il Ministero della Salute italiano smentisce e non commenta.

L’inchiesta della Procura di Bergamo sulla negligenza delle autorità rende il caso ancora più esplosivo. Il piano d’azione obsoleto sarà una parte importante di questo. L’OMS avrebbe impedito a Jamban di parlare con i ricercatori. Guerrero avrebbe parlato con loro. Una conseguenza del processo è che tutti i ministri della salute e i primi ministri italiani dovranno comparire in tribunale dopo il 2013.

In Italia sono già morte più di 62.000 persone per Covit-19. Il paese dell’Europa meridionale è stato il primo in Europa a essere gravemente colpito dal virus corona. Durante la prima ondata, la manutenzione nel nord Italia è stata sommersa. Le immagini dei pazienti nei corridoi e nelle piazze degli ospedali hanno fatto il giro del mondo. La seconda ondata è diffusa anche in Italia.