QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’ONU invia una missione nel Nagorno-Karabakh mentre quasi 100.000 persone fuggono: “Non sono rimasti armeni” |  al di fuori

L’ONU invia una missione nel Nagorno-Karabakh mentre quasi 100.000 persone fuggono: “Non sono rimasti armeni” | al di fuori

aggiornareLe Nazioni Unite invieranno una missione nel Nagorno-Karabakh alla fine di questa settimana per valutare i bisogni umanitari. Lo ha annunciato venerdì il portavoce ufficiale. Allo stesso tempo, l’Armenia chiede davanti alla Corte internazionale di giustizia che l’Azerbaigian ritiri le sue forze dalla regione. Quasi 100.000 armeni sono già fuggiti dalla regione.

A causa della “complessa situazione geopolitica”, da decenni le Nazioni Unite non sono in grado di inviare aiuti al Nagorno-Karabakh. Le Nazioni Unite hanno dichiarato: “Il governo dell’Azerbaigian e le Nazioni Unite hanno raggiunto un accordo su una missione nella regione”. Sembra proprio che questo sia il motivo per cui è importante che l’organizzazione cerchi di raggiungere la regione. “Il lavoro sarà completato questo fine settimana.”

Secondo il portavoce, le Nazioni Unite sosterranno anche l’Armenia nell’affrontare il grande afflusso di rifugiati. Ha sottolineato che “squadre dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati sono presenti sul posto fin dal primo arrivo dei rifugiati”. Le Nazioni Unite forniscono attrezzature tecniche, come computer e tablet, per registrarli.

Su insistenza dell’Unione Europea

L’Unione Europea ha già sollecitato venerdì l’invio di una missione delle Nazioni Unite nella zona contesa. “L’Azerbaigian ha la responsabilità di garantire i diritti e la sicurezza degli armeni nel Karabakh, compreso il loro diritto a vivere nelle loro case con dignità, senza molestie o discriminazioni, così come il diritto al ritorno degli sfollati. È essenziale che la missione possa “Le forze delle Nazioni Unite non potranno entrare nella regione nei prossimi giorni.”

Il portavoce ha anche chiesto “un sostegno umanitario senza ostacoli a coloro che hanno ancora bisogno di assistenza in Karabakh, così come a coloro che se ne sono andati”. Questa settimana, la Commissione europea ha stanziato cinque milioni di euro in aiuti umanitari ai rifugiati del Nagorno-Karabakh e alle persone ancora nell’enclave.

READ  Jasmine Harrison, 23 anni, è la prima donna a nuotare per tutta la lunghezza della costa occidentale del Regno Unito | uno sconosciuto

L’Armenia va in tribunale

L’Armenia sta ora cercando di costringere l’Azerbaigian a ritirare le sue forze dal Nagorno-Karabakh attraverso la Corte internazionale di giustizia dell’Aia. Il Paese deve anche consentire alle organizzazioni internazionali di entrare nella regione, ha affermato l’Armenia in una richiesta alla corte.

Il governo armeno a Yerevan afferma che “le Nazioni Unite e le sue agenzie specializzate” dovrebbero avere accesso agli armeni etnici nella regione. La richiesta prevede inoltre che il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) possa fornire assistenza umanitaria a queste persone. Inoltre, i servizi pubblici come il gas e l’elettricità devono rimanere disponibili e i monumenti al genocidio armeno non devono essere distrutti.

L’Armenia ritiene inoltre che l’Azerbaijan “dovrebbe astenersi dall’adottare misure punitive contro gli attuali ed ex rappresentanti politici o militari” nella regione. Sembra che l’Azerbaigian stia pianificando tali misure. Sono già stati arrestati un ex primo ministro ed un ex ministro della Difesa, oltre ad alti ufficiali militari.

Aspetto. Spiegato rapidamente: in cosa consiste il conflitto del Nagorno-Karabakh?

“Pulizia etnica”

Secondo le autorità armene, dall’operazione militare azera del 19-20 settembre, più di 97.700 armeni sono fuggiti dall’enclave. Chilometri di ingorghi nella zona di confine possono essere visti dallo spazio. In precedenza vivevano lì circa 120.000 armeni. La maggior parte di loro ha ora scelto di fuggire dalle proprie città natali e cercare rifugio in Armenia.

“Arriverà un altro giorno e l’elettricità finirà”, ha detto venerdì sera il ministro armeno dell’Amministrazione regionale e delle infrastrutture Gnel Sanosyan. Giovedì il governo locale ha annunciato che lo stato separatista non riconosciuto a livello internazionale verrà sciolto il 1° gennaio 2024.

READ  Il corpo di una ragazza (4) è stato ritrovato dopo più di un anno

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan accusa l’Azerbaigian di “pulizia etnica” e teme che “nei prossimi giorni” non ci saranno più armeni nel Nagorno-Karabakh. D’altra parte, gli azeri affermano che “la popolazione armena sta lasciando il Nagorno-Karabakh di propria spontanea volontà”. Baku li invita a “non lasciare le proprie case” e ad “unirsi ad una società multietnica”.

La regione del Nagorno-Karabakh faceva parte della Repubblica Sovietica dell’Azerbaigian nell’Unione Sovietica. La maggioranza della popolazione è armena e ha chiesto l’indipendenza dopo la caduta dell’Unione Sovietica, ma l’Azerbaigian desidera ripristinare la regione da decenni.

© Agenzia nazionale di polizia/Agenzia per la protezione ambientale



Leggi anche:

analisi. “Ripristinare i confini dell’Unione Sovietica”: perché dovresti ascoltare anche il pensiero di un pazzo in Russia (+)