QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’opera d’arte del famoso cantante sulla torre dell’acqua improvvisamente “piscia” a causa di un colpo ben mirato del sabotatore

La città di Kingsland, nello stato americano dell’Arkansas, è orgogliosa del suo famoso “figlio” Johnny Cash, nato lì il 26 febbraio 1932. Il cantante country è diventato uno degli artisti più influenti al mondo, scrivendo innumerevoli successi e vincere decine di premi. È morto nel 2003, ma veglia ancora sul suo villaggio natale come un’opera d’arte sulla Kingsland Water Tower. Ma di recente, la sagoma disegnata di Cash è stata presa di mira da un vandalo che ha sparato un proiettile ben rivestito nel cavallo dell’auto. Io cammino sulla linea– Squadrone di serbatoi d’acqua Singer.

La foto ora fa sembrare che Johnny Cash stia urinando nel villaggio in cui è tornato innumerevoli volte durante la sua vita sotto i riflettori per cacciare e visitare la sua famiglia. Inoltre ogni giorno perdono migliaia di litri d’acqua e il serbatoio deve essere completamente svuotato fino a quando non può essere riparato. Gli abitanti del villaggio non sono contenti del vandalismo, anche se alcuni trovano il risultato divertente.

“Abbiamo solo un budget limitato per mantenere il villaggio”, ha affermato Luke Neal, sindaco di Kingsland. “Certo che possiamo fare a meno di cose come il mal di denti.” Anche se l’uomo ammette di essere anche un po’ colpito dal buon tiro del sabotatore. “La Water Tower è chiaramente un grande obiettivo, ma aveva chiaramente qualcosa di più specifico nel mirino.”

Nel frattempo, Timothy Slade, 38 anni, è stato arrestato per aver bombardato la torre dell’acqua. L’uomo è ora accusato di sabotaggio e danni a un’importante società di servizi pubblici. Il vandalismo può viziarlo: se condannato, rischia fino a sedici anni di carcere.

Johnny Cash è nato nel 1932 a Kingsland, in Arkansas, ed è diventato uno dei musicisti più influenti al mondo © mph

(S)

READ  Amsterdamse ha ricevuto i giornali di 20 anni per sei mesi ...