QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’organizzazione delle app può aiutarti a organizzarti, ma non funzionano per tutti

“Per natura, sono una persona disordinata”, afferma l’uomo d’affari Mock Van Liel, 27 anni. La sua vita era come una stanza disordinata finché non ha scoperto l’app per organizzare Asana. “Registro tutto ciò che voglio ricordare e viene automaticamente aggiunto come attività. Avevo documenti da fareI menu li ho persi di nuovo e tutto era confuso. Nell’app posso aggiungere compiti per ogni progetto. E se non porto a termine un’attività, questa rimane nell’elenco delle cose da fare finché non la deseleziono. In questo modo non posso dimenticare nulla”.

Anche la direttrice fiamminga della pianificazione Brigitta Vangel, 43 anni, utilizza con gratitudine le applicazioni organizzative. È nata, dice, “come un vero pollo da stress disordinato”. Dai tempi di Corona, ha avuto molti clienti che soffrivano di stress e “quasi esausti”, in parte a causa del confondersi di ogni genere di cose a causa del lavoro da casa. “Questo rende la pianificazione più importante”, dice. “Significa toglierti le cose dalla testa.” Lei stessa usa Trello, un’app in cui puoi creare “schede” (panorami) separate per tutti gli aspetti della tua vita. Vangeel: “Ci metto anche le liste della spesa. Quindi mio marito non deve chiamarmi quando è al supermercato, ma può vedere cosa deve comprare nell’app”.

Lo specialista dei social media Bo (32) ha l’ADHD. Per paura di reazioni negative, preferisce non menzionare il suo cognome. Utilizza diverse applicazioni per creare ordine fuori dal caos. Dice che le hanno reso la vita “molto più facile”. “Prima ero una mina vagante che non ricorda nulla e perde tutto. Ora uso Google Calendar per tutti i miei appuntamenti e compleanni. Ricevo notifiche push per tutto, quindi non dimentico nulla. Faccio le faccende che non voglio a che fare con molti avvisi nell’app La mia sveglia. Le cose sul Web che voglio rivisitare in seguito, le metto tutte in Google Keep, quindi non devo scorrere all’infinito la mia cronologia di Twitter o TikTok”. utilizzato tag intelligenti† Si tratta di piccoli dispositivi che si collegano al tuo smartphone e possono aiutarti a trovare le cose. Ha le carte attaccate alle chiavi e alla borsetta. “I farmaci per l’ADHD funzionano solo per il 70 percento. Le app mi aiutano con il restante 30 percento. “

READ  Zuckerberg: Facebook sta seguendo la via Metaverse-Emerzz

Anche questo dovrebbe essere aggiunto

La copywriter Erika van Zenderen Bakker (44 anni) ha avuto esperienze di qualità inferiore con le applicazioni normative. “Penso davvero che questo tipo di app sia un disastro. Quindi devi rifare tutto da capo. Ed è esattamente ciò che tu come membro non stai aspettando. ”

Secondo lei, questi tipi di applicazioni non vanno bene per la modellatura, perché le possibilità sono illimitate. “Puoi creare elenchi infiniti. Ecco perché preferisco un’agenda cartacea, con giorni, orari e spazio limitati. Questo ti dà qualcosa a cui attenersi. “

Trello mio disordinato come me

La donna d’affari Deborah Villa Ozil, 48 anni, utilizza uno strumento digitale, ma è scettica sul renderlo più organizzato. “Il mio Trello è disordinato come me. Penso che se sei un tipo organizzato, Trello sarà ordinato. Se sei disordinato, anche il tuo Trello è disordinato. “

Possono essere identificati dal layout dell’allenatore Vangel. “Puoi configurare queste app in vari modi. Sono fondamentalmente elenchi vuoti. Si tratta più di ciò che fai con esso. Così tante persone seguono un corso per imparare come configurare al meglio questa app, oppure usano un auto- libro di aiuto controllo o Finire di fare le coseUtilizzo di metodi come il metodo dei due minuti: richiede meno di due minuti, fallo subito. Se ci vuole più tempo, pianificalo. In ogni caso, scaricare un’applicazione del genere non è sufficiente. Devi sviluppare un sistema che funzioni per te”.

Secondo Vangel, gli strumenti digitali non sono una panacea. Per molte persone disordinate, un pianificatore di carta può offrire una soluzione. „Non è facile svolgere un compito sulla carta copia e incolla il giorno successivo. Poi devi scriverlo di nuovo. E non puoi stipare dieci compiti in una riga. Dico sempre: la carta non mente. A molte persone piace cancellare un compito con una penna. Questo dà una spinta in più di dopamina nel cervello, più dei battiti digitali. ”

READ  Milioni di tonnellate di nuove strane sostanze chimiche sono state scoperte nell'atmosfera terrestre

E così ognuno sta cercando di creare ordine nel caos a modo suo, mentre è in arrivo una nuova tendenza: app che utilizzano l’intelligenza artificiale (AI) per pianificare in modo ottimale le tue giornate, compresi i periodi di meditazione.

Leggi anche: Il futuro appartiene a persone dai nervi disparati. “Per l’amor di Dio, manda un dislessico a Schiphol”

Ma mentre l’IA sembra approssimarsi a un’esistenza produttiva e senza stress, la filosofa Marian Donner (48) è preoccupata per la nostra frenetica ricerca del miglioramento. “Non ho mai usato un’app come questa e non ho intenzione di usarla”, afferma Donner, che è all’interno libro di autodistruzione (2019) fa luce in modo critico sulle tendenze del 21° secolo per l’auto-aiuto e l’auto-miglioramento. “Tutte queste applicazioni organizzative mi ricordano quello che il filosofo Herbert Marcuse chiama ‘capitalismo tecnico’: la tecnologia è al servizio del sistema di produzione. Il capitalismo ci perseguita, sentiamo una pressione costante per diventare più produttivi ed efficienti di quanto non lo siamo già. E poi installeremo tutti le applicazioni di nuovo per ottenere quel miglioramento. In questo modo. Tecnologia e capitalismo vanno di pari passo. il suo motto? “Rilassati, vivi il più rilassato possibile.”

Per Vangel, la pianificazione è il modo migliore per condurre una vita senza stress. “La pianificazione ha un brutto soprannome. Ad esempio: una persona che pianifica non è flessibile. Ma la pianificazione in realtà mi aiuta a improvvisare. Poiché ho una panoramica, so esattamente che posso mettere da parte un’ora per andare a pranzo spontaneamente. “

Vangel ammette che anche la pianificazione richiede tempo. “Ecco perché non dovresti renderlo troppo complicato. Una volta che le persone disordinate e le persone con ADHD iniziano a pianificare, vedo spesso che stanno immediatamente oltrepassando il limite. Tutto è in cartelle di diversi colori, ecc. Le persone si inventano rapidamente Troppo difficile . Il mio consiglio per dividere è: inizia semplice. Scegli il metodo che funziona meglio per te. E smettila di dire che sei un pasticcio. Finché ci pensi ancora tu stesso, sarai ancora un pasticcio. “