QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Organizzazione Mondiale della Sanità potrebbe cambiare il nome del virus, che è considerato fuorviante e stigmatizzante

non dire più niente vaiolo delle scimmie, diciamo … beh, al momento non lo sappiamo. Ma dentro c’è una tempesta cerebrale in corsoChi è il Per “cambiare il nome di questo virus”, il direttore generale, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha promesso di “annunciare il prima possibile”. Oltre al singolo virus, si tratterà anche e principalmente di cambiare il nome dei diversi ceppi, nonché il nome della malattia stessa. Perché questo cambiamento quando il vaiolo delle scimmie è stato controllato in più di 40 paesi?

Questa considerazione riguarda principalmente i ceppi virali. Prendono già il nome da regioni o paesiAfrica : Stiamo parlando della tribù dell’Africa occidentale e del bacino del Congo, la seconda delle quali è molto più letale della tribù di sua cugina. È andato, L’84% dei nuovi casi è stato rilevato in Europa quest’anno e il 12% in America. Pertanto, il cambio del nome consentirà di ribaltare l’attuale realtà della malattia, poiché all’inizio di giugno una trentina di scienziati, molti dei quali provenienti dall’Africa, hanno chiesto una classificazione “non discriminatoria, senza stigmatizzazione”.

“Non è proprio una malattia delle scimmie”

Il nome “monkeypox” è di per sé fuorviante. L’attuale focolaio è dovuto a un ceppo facilmente trasmissibile da persona a persona, mentre i casi africani sono principalmente causati dalla contaminazione degli animali. Soprattutto, anche nell’originale: “Non è proprio una malattia ad essa correlata” scimmie Note del virologo Oyewale Tomori Questo nome è un’eredità delle condizioni in cui la malattia è stata scoperta negli anni ’50: è stata scoperta da ricercatori danesi nel laboratorio delle scimmie, ma nella vita reale i roditori sono per lo più cacciati.

READ  Nella lotta ai bassi tassi di vaccinazione, GGD e Schiedam vanno nei quartieri: scatto gratis senza appuntamento

Oltre a questo aspetto fuorviante, ci sono ancora una volta preoccupazioni sulla natura e lo stigma di un tale nome. “Le scimmie sono generalmente associate ai paesi del sud, in particolare all’Africa”, ricorda il ricercatore Moses John Bockarie in The Conversation. Queste preoccupazioni fanno parte di un contesto più ampio in cui l’Africa è spesso bersaglio di malattie che si sono diffuse in tutto il mondo. “L’abbiamo visto soprattutto con losanghe Era l’Ebola durante l’epidemia del 2013, poi con il virus Covid e le cosiddette “varianti sudafricane”, ha detto all’Afp l’epidemiologo Oliver Restive.

Ecco perché l’immagine è importante. Oliver Restive si rammarica che i media abbiano spesso scelto le sfortunate illustrazioni per i suoi articoli sul vaiolo delle scimmie. Ha notato che queste sono “vecchie foto di pazienti africani” mentre i casi attuali sono “molto meno gravi”.