QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’orgoglioso Wut van Aert ripensa a Tokyo dopo aver vinto la terza tappa

Dopo la vittoria nella cronometro di sabato e nel podio in montagna sul Ventoux, questa volta è stato un premio sugli Champs-Elysees per Wout van Aert. Al campione belga è stato attribuito il merito di aver vinto la terza tappa di questo round dopo uno sprint. “Questo è al di là di tutte le mie aspettative”, ha sorriso Van Aert. “Mi regalerò un bicchiere di champagne in aereo.”

“Non posso crederci”, ha detto Van Aert dopo aver vinto la terza tappa. “Questo tour è stato fantastico. È stato un enorme ottovolante, ma per finire con un fine settimana del genere… wow. Questo supera tutte le mie aspettative”. Wout van Aert ha anche obiettivi a Tokyo, ma questo non gli ha impedito di dare il massimo durante l’ultima tappa di questo tour. “Penso di aver reso le cose difficili per me stesso ora. Devo prendere il mio volo per il Giappone stasera, ma sospetto che queste interviste richiederanno un po’ di tempo”, ha detto il corridore/scalatore/cronometro. “Anche se di certo non mi dispiace, perché una vittoria come questa non ha prezzo. Vedremo se arrivo in tempo. E se funziona, mi offro un bicchiere di champagne. Questa sarà la prima volta che posso sedermi”.

La domanda principale è se Van Aert punta a una corsa su strada, a una cronometro oa entrambe a Tokyo. “Penso che proverò a vincerle entrambe. Il che ovviamente sarà molto difficile. Al momento, sono particolarmente sorpreso da entrambe le vittorie di questo fine settimana”. È positivo, ovviamente, che la curva di forma di Van Aert stesse chiaramente aumentando in questo round. “Se questo sia il miglior van Aert dai Mondiali di Imola? Bella domanda. Forse. Probabilmente ero a quel livello quest’anno alla Tirreno. Ma la sensazione di questa settimana e soprattutto di questo fine settimana è molto vicina a quella di Imola”.

READ  Frank Verkuteren non si arrende con Jordan Lukaku: "Nessun Campionato Europeo? Forse stavi parlando troppo presto" | Calcio belga

Pilota piccolo rispetto a Merckx”

Van Aert è stato splendidamente guidato sugli Champs Elysees dal compagno di squadra Mike Teunsen. Quindi il campione belga non ha avuto nulla per complimentarsi con il suo compagno di squadra. “Devo davvero ringraziare la mia piccola squadra. Soprattutto Mike Teunissen, che mi ha completamente liberato”. L’arrivo di quest’anno è stato un po’ più lontano del solito, determinando un leggero cambiamento nei preparativi. “Questo ci ha dato una migliore possibilità di salire dopo la curva. Avevo una fede cieca in Mike che mi avrebbe fatto passare bene. Questo è stato solo l’inizio di una classe mondiale”

Foto: BELGA

Grazie alla vittoria sprint di Parigi, Wout Van Aert ha ora vinto una tappa di montagna, una cronometro e una tappa sprint in un unico round. Un altro belga che è riuscito a farlo in passato è Eddie Merckx. “Ho sentito il confronto in arrivo”, ha risposto van Aert. “È lo stesso confronto che è stato fatto quando Cavendish ha vinto la 34a tappa. Merckx non solo ha vinto la classifica finale del Tour cinque volte, ma ha anche vinto ogni altra gara nel ciclismo. Rispetto a Eddie, sono solo un piccolo pilota . Con quello che ho raggiunto in questo tour. Cosa mi resta del tour? Alcune cose. Voglio assolutamente tornare verde. Quindi questo potrebbe essere il prossimo obiettivo. Ma il tour è appena finito. Il campione belga ha detto “Non voglio pensare troppo ai prossimi anni”.

foto per sempre

Van Aert ha anche offerto un momento d’amore raccogliendo le sue vittorie sugli Champs Elysees con suo figlio al braccio. Tuttavia, il cavaliere aveva indicato in passato di volerlo proteggere il più possibile. “Esatto. Cerchiamo di mantenere le cose private, ma non è più così facile. Adesso si muove così velocemente. Ci ho pensato questa mattina: una foto con George sul palco, ed è una cosa per sempre. Poi ho chiesto a mia moglie permesso. Ora l’ha visto tutto il mondo”. E siamo orgogliosi anche di lui. Spero anche di poter finire qui (conferenza stampa, editore) il prima possibile, così da poter passare più momenti possibile con la mia famiglia prima che me ne vada.”

READ  Potrebbe succedere? Il velocista francese Nasser Bouhani...
L'orgoglioso Wout van Aert ripensa a Tokyo dopo la sua terza vittoria di tappa:
Foto: BELGA