QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’orso nero “Hank The Tank” provoca enormi disagi, ma la polizia non riesce a catturarlo

immagine a tema © Shutterstock

L’enorme orso nero è stato un fastidio in una zona residenziale della California per mesi. Ha fatto irruzione e ha rubato il cibo ed è cresciuto fino a diventare un enorme animale. Ma tutti i tentativi di fermare l’orso sono già falliti.

fonteIl New York Times

Ha fatto irruzione nelle case almeno 28 volte. Ha già effettuato più di 100 chiamate al pronto soccorso. L’orso nero, soprannominato dalla gente del posto come Hank The Tank, è inarrestabile. Dalla scorsa estate, Hank vaga per South Lake Tahoe, nello stato americano della California, alla ricerca di cibo nelle case. “Trovare la pizza avanzata è più facile che andare nei boschi”, ha affermato Peter Terra, portavoce del Dipartimento della pesca e della fauna selvatica della California. Finora nessuno è stato in grado di fermare Hank. L’amministrazione locale e la polizia hanno già provato varie tecniche, come paintball, bean bag, sirene e fulmini elettrici, ma nulla sembra fermarlo.

Hank ha fatto irruzione in garage, porte, finestre e cancelli. Quindi non è un orso normale. Consumando cibo umano in eccesso, Hank ha guadagnato molto peso. Il peso medio dell’orso nero, a seconda del sesso e della posizione, è compreso tra 55 e 225 libbre. Hank sarà vicino a 225 e quindi “eccezionalmente grande”.

Poiché la gente del posto è stanca di essere disturbata, si sta elaborando un nuovo piano. Vogliono arrestarlo e forse sopprimerlo. “Se lo spostiamo, il problema sarà risolto”, ha detto Tera. Inoltre, i rifugi saranno pieni e non potranno portare Hank con loro. “Questo orso ha perso la paura degli umani. Questa è una situazione potenzialmente pericolosa”.

Tuttavia, molti locali sono contrari al piano. Non sono contenti del danno di Hank, ma vogliono che l’orso sia trattato con rispetto.

(sgg)

READ  L'amministrazione Trump ha sequestrato i dati ai democratici