QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’ospizio nel sud-est del paese soffre di una carenza di volontari tre anni dopo l’apertura

L’ospizio multiculturale di Zuidoost esiste ormai da tre anni, ma sono richiesti volontari e pazienti. In media tre dei cinque posti letto sono stati occupati e anche il numero dei volontari è diminuito da 45 a 13.

Corona ha tagliato molto male in questa organizzazione. Gran parte dei volontari è partita durante il periodo Corona per paura del contagio. I residenti, come fa notare l’ospizio ai malati, sono rimasti lontani perché durante il periodo del Corona c’erano regole così rigide per i visitatori che le persone avevano paura di dover morire da sole. È difficile riportare nuovi record per riempire un ospizio.

Multiculturale

tre anni fa ospizio Nell’ex asilo nido e centro comunitario a Kelbergen, nel sud-est. Le infermiere Darian Julia e Wendy Venetian, che lavoravano nell’assistenza domiciliare, hanno deciso di aprire un hospice dopo aver assistito a situazioni spesso traumatiche negli anziani.

L’obiettivo era anche quello di fornire un posto a persone di diversa estrazione. Tutti dovrebbero essere i benvenuti. “Prendiamo in considerazione la cultura, il background e lo stile di vita di ogni persona”, spiega Wendy Venetiaan. “Quindi, se qualcuno viene qui, teniamo conto il più possibile di ciò che faceva o di ciò che gli piaceva”.

Passaggio extra

La porta è quindi aperta alle persone che desiderano concludere le loro ultime fasi della vita con amorevole cura. La casa di cura ha bisogno di molto aiuto da parte dei volontari che forniscono queste cure. Il numero è diminuito, ma la volontaria Jenny è stata lì dall’apertura. Descrive la sua esperienza: “Alcune persone non ne hanno affatto”. “Queste sono le cose che fai un passo in più per queste persone. Dopotutto, sei lì per loro. Poi penso: ecco perché lo stai facendo”.

READ  Griep's Return From (General) Away: "Delle quattro specie, quelle a cui gli anziani sono più sensibili"

Speriamo ora che il numero dei residenti e dei volontari aumenti, e ora sembra che il periodo più pesante di Corona sia passato. L’ospizio è pronto e Jenny vorrebbe vedere più aiuto da parte sua. “Mi piace farlo, motivo per cui dico che dovremmo averne molto”, dice. “Potremmo davvero usare più volontari”.