QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lotte Kopecky vive da outsider per i Mondiali: “L’Italia è più forte dell’Olanda”

© Belga

Lotte Kopecky si considera sabato prossimo Uno straniero per il titolo mondiale a Wollongong, in Australia. Il suo preferito? Sorprendentemente non un olandese, ma un italiano. “Elisa Longo Borghini, è lì che si diffonde la forza”.

md, gvdl, wvo

Dovremmo ora elencare Lotte Kopecky come outsider, favorita o favorita per la Coppa del Mondo? Questa è stata la prima domanda posta giovedì al 26enne capo della selezione belga. “Posso vivere molto bene interpretando uno straniero”, ha risposto. “Perché perché mi consideri una delle preferite?” Perché questa primavera ha scritto la Stretta Bianca e il Giro delle Fiandre sui palmi delle mani. Come questa Coppa del Mondo, due gare con grandi partecipanti e un percorso molto duro. “Sì, è vero”, concordò Kopecky. “Sono felice di questo corso molto difficile. Sarà un corso molto difficile. Anche la distanza (164,3 chilometri, ndr) gioca un ruolo. Non che non possiamo sopportare quella lunghezza, la Coppa del Mondo è 5 chilometri più lunga del Giro delle Fiandre. Ma la distanza e il rigore del percorso rendono difficile tenere il passo. Potresti avere una buona sensazione e improvvisamente le gambe sono vuote. Penso che questo valga per molti piloti su questo percorso di Coppa del Mondo. Non posso paragonarlo a nessun’altra gara perché non ho mai corso la Walloon Classic prima”.

© Belga

Lotte Kobecki non ha certo paura del duro curriculum delineato dalla designer australiana del curriculum. “Se vuoi liberare corridori veloci come Marion Voss o Elisa Balsamo da qualche parte, il percorso dovrebbe essere abbastanza buono. Molto dipende dalla forma della giornata. Il formato della giornata rimane al momento un punto interrogativo per le speranze del Belgio. Kopecky ha fatto una grande prestazione in primavera, ma poi non ha funzionato al Tour de France, per esempio. “Difficile valutare a che punto sono rispetto alla mia forma primaverile. Avevo solo la Vuelta come preparazione, ma era a mio favore. I segnali sono stati buoni nelle ultime settimane. Sono contento di questo. Il jet lag viene digerito. Era evidente anche dalla mia eccellente cronometro (qui Kopecky è arrivato nono, ndr), ne sono decisamente soddisfatto. Sto portando quella fiducia nel fine settimana. Ho cercato di rimanere rilassato possibile la scorsa settimana e pensare alla gara il meno possibile. Finora ha funzionato molto bene”.

“L’Italia è più forte dell’Olanda”

Ad ogni Coppa del Mondo, i fiamminghi devono competere contro un contingente olandese molto forte. Temeva un attacco iniziale da parte di una delle punte di diamante olandesi? “Per i Paesi Bassi, era la situazione migliore in cui avrebbero potuto mandare avanti qualcuno. Non vedevo l’ora dell’attacco di Van Vleuten su quella lunga salita. Ma dopo la sua caduta, è diventata un punto interrogativo. Non avrebbe potuto giovare alla sua prestazione . Ma personalmente penso che l’Italia sia più forte dell’Olanda. Elisa credo che da Longo Borghini ci si possano aspettare cose serie. Se l’hai vista mercoledì nella staffetta a squadre miste (è arrivata seconda con l’Italia, ndr)… sai che è molto bene. L’energia si irradia da quello. Per me è la preferita”.

Aiutare Julie de Wilde?

Le Women’s Promises correranno insieme alle Women’s Elite nella loro gara su strada di sabato. Un corso che Kopecky trova ancora più utile per la promettente collega Julie de Wilde. “Non ne abbiamo ancora parlato, ma i premi sono spariti dall’élite e se Julie ha ancora una possibilità per il titolo mondiale, non esiterei un secondo a cercare di aiutarla. Ma inizialmente ci sono la mia testa con la vera gara con l’élite”.

READ  Incidente minibus in Italia: un morto e 28 feriti