QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Ucraina accetta i colloqui di pace al confine con la Bielorussia

Dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha respinto domenica mattina la proposta russa di negoziare nella capitale bielorussa Minsk, le due parti hanno deciso di tenere colloqui al confine tra Ucraina e Bielorussia. Lo ha annunciato l’ufficio del presidente Zelensky.

L’Ucraina ha acconsentito ai negoziati di pace con la Russia: una delegazione russa e ucraina si incontrerà al confine tra Ucraina e Bielorussia, vicino al fiume Pripyat. Lo ha annunciato domenica l’ufficio del presidente Zelensky. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che i colloqui si sarebbero svolti a Hummel, sul lato bielorusso del confine.

I colloqui si svolgeranno “senza condizioni aggiuntive”. I negoziati seguono una telefonata tra Zelensky e il presidente bielorusso Alexander Lukashenko. L’agenzia ha affermato in una dichiarazione che Lukashenko “ha la responsabilità” di fermare tutti gli aerei, elicotteri e missili di stanza sul territorio bielorusso durante il volo, i negoziati e il ritorno della delegazione ucraina.

Fedir Venislavsky, membro del partito di Zelensky, ha confermato che la delegazione ucraina aveva già lasciato Kiev. Dmytro Kuleba, ministro degli Esteri ucraino, ha detto che “ascolterà ciò che la Russia ha da dire”.

Zelensky aveva precedentemente rifiutato una proposta per negoziare in Bielorussia perché non era un paese neutrale, ma in un discorso televisivo ha sottolineato di essere aperto a colloqui in altre località.

Varsavia, Bratislava, Budapest, Istanbul, Baku. Li abbiamo suggeriti tutti. Qualsiasi altra città ci è utile, in un paese in cui non vengono lanciati missili contro di noi. “Questo è l’unico modo per negoziati equi che possono veramente porre fine alla guerra”, ha detto Zelensky in un videomessaggio domenica.

READ  Sea Lion sospende il match in Nuova Zelanda | La cosa migliore del web

Domenica mattina, l’esercito ucraino ha abbattuto un missile lanciato dal territorio bielorusso. Il capo dell’esercito ucraino lo ha descritto come un “nuovo crimine di guerra”. “Altrimenti, i colloqui a Minsk sarebbero stati possibili”, ha detto Zelensky.

Domenica, i russi hanno chiarito che potenziali negoziati non erano un motivo per sospendere l’offensiva in corso. Poco prima che Zelensky annunciasse l’approvazione dei negoziati di pace, il presidente Putin ha annunciato in un discorso trasmesso dalla televisione di stato di aver ordinato alla dirigenza militare di mettere in allerta le forze di deterrenza nucleare. Putin ha detto che la decisione era in risposta alle “dichiarazioni aggressive” dell’Occidente.