QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Ucraina inizia ad esportare grano e altri prodotti | All’estero

Ancora una volta, le navi mercantili hanno lasciato i porti ucraini per trasportare prodotti attraverso il Mar Nero e lo stretto del Bosforo turco verso i mercati mondiali. Due navi, una caricata con 25.000 tonnellate di grano e l’altra con 6.300 tonnellate di olio di girasole, hanno navigato sabato nel Mar Nero dal porto di Chernomorsk, a sud di Odessa.

Le navi seguono un percorso di spedizione sicuro concordato e la spedizione verrà controllata in seguito a Istanbul. Questo fa parte degli accordi raggiunti a luglio da Ucraina, Russia, Turchia e Nazioni Unite per consentire l’esportazione di prodotti alimentari nonostante la guerra. Nell’ambito di questo “accordo sul grano”, 27 navi mercantili sono già salpate dai porti ucraini.

L’intera operazione è guidata da un centro di coordinamento in cui lavorano insieme ucraini, russi, turchi e delegati delle Nazioni Unite a Istanbul. Sabato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres visiterà il centro della capitale turca. Venerdì ha visitato il porto ucraino di Odessa.

Nel frattempo, altre navi vengono caricate in tre porti di proprietà del governo ucraino. A breve termine, il grano sarà spedito da Chernomorsk da quattro portarinfuse in Francia, Paesi Bassi, Sudan e Turchia, secondo le autorità portuali locali.

Il corridoio mira a portare sollievo ai mercati alimentari globali. Il prezzo del grano, tra le altre cose, è salito a un livello record a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina. Entrambi i paesi sono importanti produttori di grano e la guerra ha messo in pericolo le esportazioni di grano sui mercati mondiali.