QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’UE approva il primo pacchetto di sanzioni contro la Russia

I ministri degli Esteri dei 27 Stati membri dell’Unione europea si sono incontrati martedì pomeriggio a Parigi durante un incontro informale di emergenza sugli ultimi sviluppi nell’Ucraina orientale. Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato lunedì che Mosca ha riconosciuto le Repubbliche popolari ucraine separatiste di Luhansk e Donetsk e poche ore dopo ha inviato “guerrieri di pace” nella regione.

L’alto rappresentante per la politica estera europea, Josep Borrell, ha dichiarato martedì sera in una conferenza stampa, insieme al ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian, che gli Stati membri sono d’accordo sull'”estrema gravità” della situazione. La Russia ha strappato gli accordi di pace di Minsk (Chi ha dovuto porre fine al conflitto nell’Ucraina orientale nel 2015, ndr).Che fino a poco tempo fa era il Cremlino a produrre alfa e omega per la crisi ucraina: “Siamo in un momento pericoloso per l’Europa”.

Leggi anche. Tutto ruota attorno al Donbass, ma perché questa regione è così importante per Putin? “Ci ha lavorato per tutta la sua carriera”.

Secondo Borrell, il momento dell’escalation non è stato scelto a caso: il 22 febbraio 2014, esattamente otto anni fa, la Verkhovna Rada ha rovesciato l’allora presidente russo Viktor Yanukovich. “È come se Putin avesse chiesto la fine del tempo di gioco”, ha detto lo spagnolo.

(Leggi di più sotto la foto)

Giuseppe Borrel.

Elenco sanzioni

I ministri europei non solo sono d’accordo sulla gravità della crisi. Borrell e Le Drian hanno anche annunciato un primo pacchetto di sanzioni concordato con tutti i 27 ministri. I 351 membri della Duma di Stato, il parlamento russo, sono stati inseriti nella lista delle sanzioni europee. Dopotutto, hanno dato il via libera al riconoscimento delle repubbliche del Donbass. Inoltre, Borrell ha affermato che altre 27 persone o entità sono state coinvolte nella minaccia all’integrità e alla sovranità dell’Ucraina. Ha notato che rientrano nella politica, negli affari, nella difesa o nel settore bancario. Inoltre, l’Unione Europea incide sulle relazioni economiche con Donetsk e Luhansk.

“Smettete di fare shopping a Milano, di festeggiare a Saint-Tropez o di diamanti ad Anversa”, Borrell ha concretizzato i rigori in un tweet che da allora è stato cancellato.

Leggi anche. Dopo 20 anni di frustrazione soffocante, Putin è più vendicativo e arrabbiato che mai.

Niente gas a causa del Nord Stream 2

Il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha annunciato oggi che Berlino non accetterà di far funzionare il Nord Stream 2, un nuovo gasdotto tra Russia e Germania, per il momento. Grazie Borrell Schulze per questo. “Rende il nostro messaggio unificato ancora più forte”, ha detto. “Le sanzioni danneggeranno la Russia e faranno molto male”.

Borrell e Le Drian chiariscono che questo è solo il primo pacchetto di sanzioni. “Ci sono ancora munizioni nella nostra cassetta degli attrezzi”, ha avvertito Burrell. Ha affermato che il mancato inserimento di Putin nell’elenco delle sanzioni dovrebbe essere visto in questo contesto. E anche la Bielorussia, dove sono di stanza migliaia di soldati russi, potrebbe entrare in scena.

Borrell, tra le altre cose, ha fatto riferimento all’aggressione russa contro la Georgia e all’annessione della Crimea 8 anni fa. “Siamo a conoscenza del manuale del Cremlino del 2014 e del 2008. Sappiamo quali potrebbero essere i prossimi passi”, i ribelli russi sono ora in circa un terzo del territorio del Donbass, ma “quello che succede al resto rimane un punto interrogativo”.

Leggi anche. Lui vive. Tensioni tra Russia e Ucraina: ci sarà un’invasione e una guerra russa?

La porta rimane aperta per le conversazioni

Tuttavia, l’UE non vuole emarginare la diplomazia. “Continueremo a lavorare su questo per evitare la guerra nel cuore dell’Europa”, ha affermato il ministro degli Esteri europeo. “La porta è ancora aperta per le conversazioni”, ha detto Le Drian.

Borrell è stato in stretto contatto con Stati Uniti, Regno Unito e Canada nelle ultime ore e ha coordinato con loro le sanzioni. Ha anche telefonato al presidente ucraino Volodymyr Zelensky “con un messaggio di sostegno e di elogio per la moderazione. Ne servirà di più nei prossimi giorni, perché crediamo che questa storia non sia ancora finita”. Borrell ha affermato che l’Unione Europea, nel frattempo, sta rispondendo alla richiesta di supporto di Kiev per rispondere ai numerosi attacchi informatici della Russia.

READ  Il rapitore di ostaggi (27) muore per le ferite riportate all'Apple Store di Amsterdam