QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’UE fa pressione su Lukashenko un anno dopo le elezioni in Bielorussia | all’estero

L’Unione europea promette nuove sanzioni contro la Bielorussia. Un anno dopo una controversa elezione presidenziale nel paese dell’Europa orientale, il capo degli affari esteri dell’Unione europea, Josep Borrell, ha affermato che il regime di Alexander Lukashenko “continua a ignorare in modo flagrante i suoi obblighi internazionali”.




Borrell ha menzionato una serie di esempi di questo in una dichiarazione, come ad esempio Atterraggio di emergenza a Minsk per volo Ryanair con disertore bielorusso e “l’uso di migranti vulnerabili per scopi politici”. I paesi europei credono che la Bielorussia Un gran numero di richiedenti asilo attraversa il confine con l’Unione europea applicare pressione.

Le guardie di frontiera polacche hanno annunciato venerdì che 133 migranti sono stati fermati al confine con la Bielorussia in due giorni. “Rispetto ai 122 dell’intero anno scorso”, ha detto un portavoce dell’azienda. Anche la Lituania ha visto un forte aumento dell’immigrazione e incolpa il regime di Lukashenko di aver consentito ai richiedenti asilo di viaggiare in aereo e poi di inviarli nell’Unione europea.

Il rapporto tra l’Unione europea e la Bielorussia, spesso definito l’ultima dittatura europea, si è drammaticamente deteriorato nell’ultimo anno. Il 66enne Lukashenko ha governato il paese per più di un quarto di secolo e ha vinto anche le elezioni di domenica 9 agosto 2020. L’Unione europea considera il sondaggio fraudolento e anche molti bielorussi credono che lo fosse. ingannato. Le forze di sicurezza di Lukashenko hanno lanciato un giro di vite sui manifestanti civili che non hanno accettato i risultati delle elezioni negli ultimi mesi.

Foto delle proteste in Bielorussia. © AP

“misure aggiuntive”

L’Ue ha già adottato misure punitive dopo le elezioni e, secondo Borrell, è pronta a prendere in considerazione “misure aggiuntive”. Il funzionario per gli affari esteri dell’UE ha sottolineato che le attuali sanzioni saranno revocate solo se la Bielorussia rispetterà la democrazia e lo stato di diritto. Ha chiesto il rilascio di “più di 600 prigionieri politici” e l’apertura della strada a elezioni eque a cui partecipano gli organizzatori internazionali.

Borrell non solo ha minacciato sanzioni, ma ha anche offerto aiuto europeo se la Bielorussia avesse deciso di passare alla democrazia. Il diplomatico ha promesso che Bruxelles avrebbe poi contribuito a stabilizzare l’economia del Paese ea riformare le sue istituzioni. Ciò dovrebbe portare a maggiori opportunità di lavoro e ad aumentare il tenore di vita nel paese.

Foto delle proteste in Bielorussia.

Foto delle proteste in Bielorussia. © AP

READ  CDU Laschet ha scelto per la posizione di advisor