QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Uganda segnala un allarmante aumento dei casi di Ebola, la ricerca sui vaccini è vitale

L’Uganda è alle prese con una massiccia epidemia di Ebola da metà settembre. Il virus mortale è stato finora diagnosticato in 95 persone, almeno 44 delle quali sono morte a causa dei suoi effetti. Si teme un focolaio nei campi profughi sovraffollati.

Solo Pastmeyer

Lo scoppio del virus Ebola in Uganda è visto come molto preoccupante, perché il primo caso è stato scoperto solo tre settimane dopo l’infezione. Ciò ha permesso al virus di diffondersi sotto il radar per settimane. Dalla prima infezione, il 20 settembre, il virus si è diffuso dal densamente popolato distretto centrale di Mubindi della capitale, Kampala. Martedì sono state identificate cinque infezioni altamente probabili a Kuala, un distretto di Kampala. Anche altri 300 residenti di Kampala potrebbero essere infettati e devono presentarsi al Ministero della Salute. Dal 2013 al 2016, 11.000 persone sono morte a causa di un’epidemia acuta di Ebola in Africa occidentale, nell’ultimo periodo dal 2018 al 2020 nella Repubblica Democratica del Congo, più di 2.200 persone sono morte di Ebola.

Il virus, che si diffonde attraverso il contatto con i fluidi corporei di una persona infetta, uccide circa la metà delle persone che lo contraggono. Il periodo di incubazione del virus varia da due a tre settimane, il che rende più difficile l’esame dei contatti. Secondo il ministero della Salute dell’Uganda, nel distretto di Mubindi sono stati segnalati almeno 18 decessi per Ebola, tutti sepolti prima che potessero essere testati. Tuttavia, secondo il ministero, è molto probabile che siano morti di Ebola.

READ  Studio G DATA: gli olandesi non segnalano mai messaggi di testo falsi

tipo raro

La variante di Ebola emersa in Uganda è diversa da quella che ha mietuto vittime alcuni anni fa nella vicina Repubblica Democratica del Congo e prima in Africa occidentale. Fu sviluppato un vaccino contro la variante, che all’epoca era popolare. Tuttavia, non esiste ancora un vaccino efficace contro la cosiddetta “alternativa sudanese” che ora sta causando vittime in Uganda.

La società di sviluppo del vaccino, Merck & Co., ha annunciato, martedì, la volontà di condurre una ricerca sull’alternativa sudanese al virus Ebola, al fine di produrre un vaccino. L’azienda prevede di donare questo vaccino a un programma di ricerca dell’International AIDS Vaccine Initiative (IAVI), un’organizzazione non governativa che sta anche lavorando allo sviluppo di un vaccino contro l’AIDS. Merck & Co, che in precedenza ha prodotto un vaccino approvato contro la variante Zaire, dice che spera di fornire circa 50.000 dosi a IAVI entro la fine del 2022, in modo che una campagna di vaccinazione possa essere lanciata in Uganda.

Le donazioni sono molto necessarie

L’epidemia di Ebola in Uganda arriva in un momento difficile. A causa dell’elevata inflazione in tutto il mondo, in parte a causa dell’invasione russa dell’Ucraina, le organizzazioni umanitarie scarseggiano. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha annunciato martedì di aver bisogno di almeno altri 708 milioni di euro entro la fine dell’anno.

L’organizzazione ha già sospeso i suoi programmi. Anche in Uganda, dove l’organizzazione è attiva in diversi grandi campi profughi, l’organizzazione non può acquistare abbastanza sapone e forniture per l’igiene per operare in sicurezza. “Questa è una vera e immediata chiamata di emergenza”, ha affermato Dominic Hyde dell’UNHCR. “Sono in gioco le vite e i mezzi di sussistenza delle persone”. Secondo Hyde, nuove guerre e crisi irrisolte lasciano soldi per soddisfare “i bisogni di milioni di persone più vulnerabili del mondo”.

Più di 1,5 milioni di rifugiati vivono nei campi in Uganda. Circa il 60 per cento di questi rifugiati proviene dal vicino Sud Sudan. Gli operatori sanitari temono che l’Ebola possa diffondersi nei campi profughi, dove grandi gruppi di persone vivono insieme in condizioni sanitarie spesso deplorevoli. Ad esempio, Mubendi si trova lungo l’autostrada per il Congo. Diversi campi profughi si trovano sulla stessa strada. Vi vivono più di 200.000 rifugiati.