QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lui vive. Raduno a Washington a sostegno dei rivoltosi al Campidoglio: nessuna paura di scontri violenti con i contro-manifestanti | All’estero

Diverse centinaia di persone stanno marciando oggi a Washington, DC, a sostegno dei rivoltosi che hanno preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio. Fino a 100 membri della Guardia Nazionale sono pronti ad intervenire in caso di necessità. La polizia del Campidoglio temeva uno scontro violento tra manifestanti e oppositori, ma ciò non si è concretizzato. Segui la situazione a Washington, vivi qui.




Circa 250 manifestanti di estrema destra si sono riuniti oggi a Washington per partecipare alla Marcia per la giustizia per J6. Vogliono mostrare il loro sostegno alle oltre 600 persone arrestate per il loro coinvolgimento nell’assalto del 6 gennaio al Campidoglio, nel tentativo di evitare la conferma della vittoria elettorale di Joe Biden.

La polizia ha rafforzato la sicurezza intorno al Campidoglio, tenendo presente i rivoltosi che hanno attaccato gli agenti di polizia, hanno rotto le finestre e hanno preso d’assalto l’edificio il 6 gennaio. Quindi i membri del Congresso e poi il vicepresidente Mike Pence hanno dovuto mettersi in salvo. La recinzione aggiuntiva intorno all’edificio dovrebbe ora aiutare a fermare gli intrusi.

© AFP

Minacce

Il capo della polizia del Campidoglio J. Thomas Manger ha confermato ieri che ci sono state “alcune minacce violente” ma che le forze di polizia hanno implementato un “piano forte” per garantire che tutto si svolga in modo pacifico.

“Negli ultimi giorni abbiamo ricevuto una serie di minacce contro alcuni membri del Congresso”, ha detto Manger. Tuttavia, queste minacce “non sono specificamente legate all’incontro”.

Commissario J. Thomas Manger.

Commissario J. Thomas Manger. © AFP

Il Pentagono ha detto ieri che 100 membri della Guardia Nazionale sono pronti ad assistere la polizia nella protezione del Campidoglio, se necessario. Le truppe saranno disarmate, ad eccezione dei manganelli, ha affermato il portavoce, e sono state sfruttate le capacità delle forze dell’ordine locali, statali e federali.

Manger ha detto che la polizia si stava preparando per gli scontri tra sostenitori di Trump e anti-dimostranti.

I sostenitori di Trump accorrono a Washington.

I sostenitori di Trump accorrono a Washington. © AFP

“Ciò di cui siamo particolarmente preoccupati è la possibilità che i contro-dimostranti partecipino a questa manifestazione e le violenze tra i due gruppi”, ha affermato Manger. “Secondo me, questo è lo scenario più probabile per la violenza”. Questi scontri violenti sono indiscutibili al momento: tutto procede pacificamente.

La maggior parte dei membri del Congresso non è a Washington oggi.

Agenzia di stampa Francia

© AFP

Il deputato repubblicano che ha definito Trump un “cancro per il Paese” lascia la politica

Il capo del Pentagono ha chiamato la Cina per paura che Trump iniziasse una guerra

READ  Caldo estremo negli Stati Uniti occidentali: tornado e temperature record.