QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’urbanizzazione è associata a una salute mentale peggiore

ANNP

La vita di città è attraente. Allo stesso tempo, l’inquinamento atmosferico, l’inquinamento acustico e la mancanza di spazi verdi minacciano la salute mentale degli abitanti delle città. A causa della crescente urbanizzazione, è imperativo che i ricercatori mappino meglio l’interazione tra i diversi fattori di rischio per i problemi mentali. Questo è ciò che suggeriscono Junus van der Waal e colleghi del Center for Urban Mental Health dell’Università di Amsterdam Psichiatria della lancetta.

“Nei paesi in cui più del 50-60 percento della popolazione vive nelle città, le persone spesso soffrono di depressione, ansia e dipendenza”, afferma van der Waal. Ciò è dimostrato da un’analisi dei dati provenienti da 191 paesi, dalle Nazioni Unite. “Nei Paesi Bassi, il 91% della popolazione vive in un’area urbana e questi problemi sono abbastanza comuni”.

interazione

Secondo van der Waal, i ricercatori in genere esaminano l’influenza di uno o due fattori di rischio per la malattia mentale. Come l’effetto dell’inquinamento acustico sullo sviluppo dei disturbi d’ansia. Ma spesso è un’interazione di più fattori, che possono rafforzarsi a vicenda. Se molte persone in una determinata zona hanno problemi psicologici, potrebbe, ad esempio, influire negativamente sulla coesione sociale del quartiere, che a sua volta può avere un impatto negativo sui residenti, afferma van der Waal. Questo è il motivo per cui i ricercatori sostengono un approccio interdisciplinare, in cui gli scienziati studiano come i diversi fattori interagiscono nel tempo.

Per chiarezza, i ricercatori hanno introdotto il personaggio Jane. Vive in un appartamento vicino a una strada trafficata e si preoccupa regolarmente della sua situazione finanziaria. Il rumore costante del traffico e l’illuminazione le ostacolano il sonno. Questo ha un effetto negativo sulle sue prestazioni al lavoro, causandole più stress e preoccupazioni finanziarie, oltre a dormire peggio. Inoltre, l’esposizione prolungata all’inquinamento atmosferico ha un effetto negativo sul funzionamento del suo cervello. Tutti questi fattori combinati possono causare depressione nel tempo.

READ  Mass Hospital: chiarezza rapida sui reclami di vertigini

Oltre alla terapia individuale, costruire un giardino tra l’appartamento di Jane e una strada trafficata può essere un modo per ridurre i suoi sintomi depressivi. Van der Waal: La presenza di vegetazione sembra essere associata a stati d’animo depressivi inferiori. Ad esempio, il verde ha un effetto mitigante sull’inquinamento acustico e riduce l’inquinamento atmosferico. Creare un numero sufficiente di luoghi in cui la gente del posto può incontrarsi può anche essere un bene per la coesione sociale nel quartiere. Tutto ciò può avere un effetto positivo sulla salute mentale.

Guaritore

Sulla base di una meta-analisi degli ultimi 30 anni, i ricercatori hanno identificato i fattori urbani che possono influenzare la salute mentale delle persone. Inoltre, presentano un nuovo quadro concettuale che considera l’influenza di fattori urbani come le dimensioni della città, la migrazione, l’emergere dell’ambiente costruito, la coesione sociale e le caratteristiche neurobiologiche individuali sullo sviluppo dei disturbi mentali. Questo quadro serve come base per la ricerca futura sui problemi di salute mentale e sui disturbi nelle aree urbane.

Comprendere come tutti questi fattori interagiscono nel corso della vita può rivelare nuovi obiettivi per il trattamento e la politica. È importante che professionisti e responsabili politici siano consapevoli di tutte le condizioni che contribuiscono allo sviluppo della depressione, dell’ansia e della dipendenza. A livello urbano, sociale e individuale.

COVID-19

Anche durante la pandemia, è stato dimostrato che gli abitanti delle città affrontano sfide specifiche che possono avere un impatto negativo sulla salute mentale. Van der Wal: “Ad esempio, di solito vivevano in luoghi più piccoli ea volte nelle città era difficile evitare i luoghi affollati”.

READ  Gli investigatori emettono un verdetto schiacciante: "Una pandemia potrebbe avere ...

Attualmente, più del 50 per cento della popolazione mondiale vive nelle città. Questo dovrebbe raggiungere circa il 70% entro il 2050, il che aumenterà anche il numero di problemi psicologici. “L’obiettivo del nostro centro e di questa ricerca è contribuire a una città sana con meno problemi mentali”.



Leggi anche