QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Maastricht UMC+ continua la ricerca di cellule killer nel trattamento del cancro al seno

Rendere le cellule killer adatte a breve termine

La ricerca mira a rendere le cellule killer adatte per un uso a breve termine in clinica. Tra le altre cose, in pazienti con carcinoma mammario metastatico. ‘, secondo l’ospedale.

Killerceline

Le cellule killer sono i globuli bianchi del normale sistema immunitario che assicurano che le cellule che causano malattie nel corpo vengano distrutte e rimosse. Queste cellule che causano malattie possono anche essere cellule cancerose. La cellula killer che riconosce la cellula cancerosa diventa attiva e rilascia sostanze tossiche che causano la morte della cellula cancerosa.

tumore al seno

A Maastricht UMC+, sono stati condotti diversi anni di ricerca sui potenziali effetti benefici dell’immunoterapia con cellule killer nel cancro al seno. Nei sistemi di coltura cellulare in vitro e in modelli animali, è chiaro che le cellule killer possono avere un effetto antitumorale. La ricerca di Maastricht sviluppa anche varie strategie per rendere le cellule killer resistenti all’effetto inibitorio del microambiente tumorale. Ciò significa che la stessa cellula killer non viene distrutta prima che abbia un effetto sulle cellule cancerose. Questo è importante perché questo ambiente tumorale è un importante collo di bottiglia in molti tipi di trattamenti antitumorali.

Le cellule killer potrebbero essere testate sui pazienti entro la fine del 2022

Maastricht UMC+ e la start-up CiMaas continueranno a essere sviluppate con l’Università di Utrecht, che ha una significativa esperienza nei modelli di ricerca sul cancro al seno. Il supporto è stato reso disponibile dal Fondo di ricerca KWF. Un sostegno significativo consentirà ulteriori ricerche sul potenziale delle cellule killer nel trattamento del carcinoma mammario metastatico. La fase successiva della ricerca è lo sviluppo di cellule killer da utilizzare al di fuori del laboratorio, nella clinica per i malati di cancro al seno. Secondo il leader della ricerca, il professor Dr. Gerard Bos, questo sviluppo potrebbe progredire rapidamente: “Siamo già al punto in cui prevediamo di poter testare le cellule killer dalla fine del 2022 in pazienti con mieloma multiplo e/o leucemia acuta. “

READ  Aidsfonds in risposta alle osservazioni di Baudet: "L'HIV non discrimina" | interni