QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Macron non è più la maggioranza nel parlamento francese e non sono rimasti molti seggi per l’estrema destra

Squadra della coalizione! Il presidente francese Emmanuel Macron non è riuscito a ottenere la maggioranza assoluta alle elezioni parlamentari di domenica. L’assemblea nazionale di Marine Le Pen ha ottenuto un numero record di seggi.

Squadra della coalizione! Il presidente francese Emmanuel Macron si è assicurato 245 seggi alle elezioni parlamentari di domenica, non a maggioranza assoluta (289). Lo affermano le statistiche complete dell’agenzia di stampa francese.

La coalizione di sinistra Nupes con Jean-Luc Mélenchon ha vinto 135 seggi. Il National Rally di estrema destra guidato da Marine Le Pen ha ottenuto un traguardo storico con 89 posti.

Il partito di centrodestra Repubblica (LR) ha ottenuto 61 seggi e il suo alleato UDI 3, rispetto ai circa 100 seggi della precedente legislatura. Secondo il ministero dell’Interno, il 53,77% degli aventi diritto al voto non ha partecipato. Circa 48,9 milioni di elettori registrati hanno potuto votare.

Sconfitta Macron

In una prima risposta, Melenchon aveva già indicato che questo esito – “del tutto inaspettato e invisibile” – era essenzialmente “la sconfitta di Macron”. Secondo lui, il partito del presidente è stato “completamente deragliato” e Melenchon ha anche ceduto al “fallimento morale” dei membri della maggioranza “che danno costantemente lezioni a tutti e si ergono in forma di diga contro l’estrema destra, ma il principale il risultato è stato: l’estrema destra è stata rafforzata”.

Marine Le Pen, che ha anche fatto notevoli progressi con il National Rally, ha detto di sperare di unire “tutti i patrioti”, a destra ea manca. Ha promesso di guidare una forte opposizione, ma “nel rispetto delle istituzioni”. “L’interesse della Francia e del popolo francese è la nostra unica bussola”, ha detto Le Pen.

READ  Perché il cambiamento climatico? I migliori giocatori disegnano con centinaia di...

‘deludente’

Lo stesso presidente Macron comunica con “tutti coloro che vogliono portare avanti il ​​Paese”. La portavoce del governo Olivia Gregoire ha detto domenica in una risposta iniziale a quelli che ha definito i risultati “deludenti”. “Ci sono parlamentari moderati di destra che saranno con noi. Allungamo la nostra mano a chiunque voglia che facciamo avanzare il Paese”, ha detto Gregoire alla televisione di France 2.

Il ministro dell’Economia Bruno Le Maire ha riconosciuto che la situazione era senza precedenti. La Francia non diventerà ingovernata, ha detto, ma “dovremo mostrare molta immaginazione”, ha detto. Ha anche affermato che il gruppo di maggioranza che sostiene il capo dello stato “è l’unico in grado di governare la Francia”.

I grandi nomi stanno morendo

Macron non solo sta raggiungendo il numero di seggi sperati, ma sta anche assistendo alla scomparsa di alcuni big dal Parlamento. Il ministro della Salute Brigitte Bourguignon e il ministro dell’Ambiente Amelie de Montchalin perderanno i loro seggi, così come Christophe Castaner, ex ministro degli interni. Anche il presidente dell’associazione, Richard Ferran, ha dovuto ammettere la sconfitta.