QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Manifestanti iraniani hanno dato fuoco alla casa dell’Ayatollah Khomeini | Iran

Le riprese video della casa dell’ayatollah Ruhollah Khomeini, il defunto fondatore della Repubblica islamica, sono circolate sui social media. L’edificio sta bruciando. Secondo gli attivisti, i manifestanti hanno appiccato il fuoco.

Secondo la rete di attivisti 1500 Tasfir, l’incidente è avvenuto giovedì sera nel villaggio di Khomeini, città natale di Khomeini, a sud della capitale iraniana, Teheran.

Le immagini mostrano dozzine di persone che applaudono mentre le fiamme si diffondono. Tuttavia, i media statali iraniani hanno negato che la casa sia stata data alle fiamme, sostenendo che un numero limitato di persone si era radunato all’interno della casa. L’agenzia di stampa statale Tasnim ha detto della notizia dell’incendio: “Questo rapporto è una bugia … Le porte della casa del defunto fondatore della Grande Rivoluzione sono aperte alla gente”.

Khomeini morì nel 1989. Da allora la casa è stata trasformata in un museo.

Una donna iraniana passa davanti a un murale dell’ex leader iraniano Ayatollah Ruhollah Khomeini. ©Reuters

Il suo successore, l’ayatollah Ali Khamenei, è stato sottoposto a enormi pressioni dalla fine di settembre, dopo che le proteste sono scoppiate in tutto il paese chiedendo la fine del governo clericale. Le proteste sono ancora feroci.

Altri video condivisi da 1.500 Tasfir mostravano manifestanti che cantavano “Morte a Khamenei” in diverse città. Nella città di Chabahar, un cartello con il nome di una strada che faceva riferimento all’Ayatollah Khomeini è stato abbattuto e distrutto.

READ  Presidente francese Macron: l'Europa deve prepararsi a tutti gli scenari