QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Marco Pontani è stato ucciso? L’Italia ha aperto una nuova inchiesta sulla morte di un ciclista

Dopo il rilascio di possibili nuove prove, la Procura di Rimini ha aperto una nuova inchiesta sulla morte di Marco Pontani, avvocato per i parenti più prossimi, Fiorenzo Alessi, confermata lunedì all’Ansa.

Si indaga per la terza volta sulla morte dell’ex ciclista Marco Pontani, avvenuta il giorno di San Valentino del 2004. Il file è stato successivamente archiviato, ma la sua famiglia ha presentato ricorso nel 2014. Secondo la sua famiglia, Il Pirata è stato costretto a bere cocktail mortali in quel momento. Tuttavia, la Corte di Cassazione italiana ha respinto il ricorso tre anni dopo, definendolo “inaccettabile” per la mancanza di informazioni su un (possibile) reato. La famiglia è stata condannata al pagamento delle spese processuali.

Questa volta potrebbero esserci nuove testimonianze dall’allora mercante di Pontani. Durante un’audizione parlamentare all’inizio del 2020, l’uomo ha affermato che Bandani era stato ucciso. Marco Pontani ha realizzato la storica doppia Zero-Tour nel 1998. Nel 1999, fino a quando non fu eliminato dal Giro d’Italia due giorni prima della fine della gara di Madonna di Campigilio a causa di un’eccessiva emorragia, sembrava essere di nuovo sulla strada del successo Zero. Tuttavia, Pontani ha sempre negato questo e, secondo il suo ex imprenditore, stava cercando la verità su quanto accaduto nei suoi ultimi anni.

I rapporti del commerciante sono stati inviati all’ufficio del procuratore, dopo di che è stata aperta una nuova indagine, con grande sollievo della sua famiglia. “La madre di Pontani, Tonina, vuole sapere cosa ha causato la morte di suo figlio”, ha detto Alessi.

Si indaga per la terza volta sulla morte dell’ex ciclista Marco Pontani, avvenuta il giorno di San Valentino del 2004. Il file è stato successivamente archiviato, ma la sua famiglia ha presentato ricorso nel 2014. Secondo la sua famiglia, Il Pirata è stato costretto a bere cocktail mortali in quel momento. Tuttavia, la Corte di Cassazione italiana ha respinto il ricorso tre anni dopo, definendolo “inaccettabile” per la mancanza di informazioni su un (possibile) reato. La famiglia è stata condannata al pagamento delle spese processuali. Questa volta potrebbero esserci nuove testimonianze dall’allora mercante di Pontani. Durante un’audizione parlamentare all’inizio del 2020, l’uomo ha affermato che Bandani era stato ucciso. Marco Pontani ha realizzato la storica doppia Zero-Tour nel 1998. Nel 1999, fino a quando non fu eliminato dal Giro d’Italia due giorni prima della fine della gara di Madonna di Campigilio a causa di un’eccessiva emorragia, sembrava essere di nuovo sulla strada del successo Zero. Tuttavia, Pontani ha sempre negato questo e, secondo il suo ex imprenditore, stava cercando la verità su quanto accaduto nei suoi ultimi anni. I rapporti del commerciante sono stati inviati all’ufficio del procuratore, dopo di che è stata aperta una nuova indagine, con grande sollievo della sua famiglia. “La madre di Pontani, Tonina, vuole sapere cosa ha causato la morte di suo figlio”, ha detto Alessi.

READ  Ecco come ti mescoli con il popolo italiano