QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Marianne, 33 anni, è stata infettata dal coronavirus e si è svegliata semiparalizzata dal coma

Pertanto, nelle prime due settimane, non si sono notati segni di paralisi sulle braccia e sul piede sinistro. L’obiettivo è innanzitutto imparare a respirare in modo indipendente. “Davvero, questa è la cosa più difficile che abbia mai fatto. Tu menti come una specie di pesce morto, senza fiato, il tuo corpo non collabora con niente. Imparare a stare seduto è stato altrettanto forte. Ho pianto solo per la prima mezz’ora . La base è incredibilmente pesante senza muscoli che lavorano correttamente.”

mezzo paralizzato

È solo quando si trova nel reparto “normale” dell’ospedale che si nota che il suo piede non collabora bene durante la terapia fisica. Sembra essere paralizzato a causa della prolungata costrizione del nervo durante il coma. Anche le sue mani e braccia erano paralizzate. Anche qui la costrizione prolungata ha causato un’insufficienza nervosa, aggravata dall’infiammazione dei nervi che ha causato il coronavirus.

Non è chiaro se questo danno possa essere riparato. Marianne: “Ora mi definisco semiparalizzata. I miei piedi ancora non funzionano, ma le mie braccia e le mie mani hanno di nuovo dei movimenti. Qua e là i nervi si stanno riprendendo. Ma no, i medici non sanno dove sta andando finire.”

bracci meccanici

Quello che sai è che non si siederà ad aspettare che “tutto funzioni di nuovo”. Marianne è ora, dodici mesi dopo il test positivo, ancora in riabilitazione. Lì lavora duramente ogni giorno per il suo recupero, supportata da una serie di braccia meccaniche.

“Ora posso cucinare, mangiare, scrivere di nuovo, per esempio”, dice. In altre parole: ritrovo un po’ di indipendenza. Purtroppo queste armi erano disponibili solo temporaneamente in prestito dall’ospedale e al costo di quattromila euro ciascuna. Ho iniziato a fare crowdfunding per raccogliere questi soldi. Voglio solo indietro la mia vita”.

Leggi anchePadre con coronavirus in terapia intensiva, la madre confessa: Thomas, Lucas ed Emma sono soli da settimane

READ  Il membro dell'Assemblea Ramdien (VHP) trasferito a Paramaribo - Dagblad Suriname

giorni neri

Il recupero fisico è molto difficile, ma l’anno passato è molto impegnativo per Marianne. “Quando le persone mi chiedono della mia condizione, devo sempre ridere un po’. Sono quasi paralizzato. Come pensi che stiano andando le cose? Quindi la mia risposta è sempre: in queste circostanze, le cose stanno andando bene, ma le condizioni sono pessime. “

La maggior parte delle volte hai voglia di combattere, ma ovviamente ci sono brutte giornate. Soprattutto all’inizio, quando non poteva fare niente, aveva pensieri molto cupi. “Ma sai qual è lo scherzo?” ridere. “Quando ho pensato di voler saltare dal ponte, ho subito pensato: ‘Non riesco nemmeno a stare da solo. Chi mi condurrà lì e mi spingerà allora? “Nel profondo della mia mente, potrei sempre fare una mezza battuta su di esso. Ma questa fase molto oscura è finita, fortunatamente”.

viva il corpo

“Non sono affatto una persona fluttuante, ma sto solo cercando di fidarmi che tutto questo mi insegnerà qualcosa”, continua. “Questo mi porta da qualche parte, perché questa non è sicuramente la fine della mia storia. La vita è miserabile ora, ma mi dà anche preziose intuizioni. E ho un apprezzamento completamente nuovo per il mio corpo: ama più che mai”.

Ci volle del tempo, perché i primi sei mesi dopo il coma, Marianne perse completamente la fiducia nel proprio corpo. “Ha incolpato il mio corpo, mi sono sentito inutile, danneggiato e inaccettabile† Ma ora mi rendo conto che il mio corpo lotta duramente ogni giorno, allenandosi e mantenendomi in vita.

“Sì, ora sono disabile, ma sono anche forte, bella, preziosa e divertente. Una persona completa sono più che colpa mia. Sono sempre stato con fiducia nel corpoMa questo è solo approfondito quest’anno”.

READ  Diretto | Le strade di prova sono chiuse a causa del forte vento L'interno

Thumbnail of Jettie (34) e Inés (53) hanno Long Covid: ``A volte sembra che io abbia la demenza Leggi ancheGetty (34) e Ines (53) hanno Long Covid: “A volte sembra che io abbia la demenza”