QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Mark Mert (58) vince dopo le proteste di ING: “Conto chiuso da ottobre, ma ora il problema si risolve improvvisamente in otto ore” | tristezza

Asse / TernatUna soluzione è stata però trovata per Marco Mert (58) di Ternate. Sai, il lavoratore autonomo che martedì mattina ha bloccato l’accesso alla filiale di ING Asse con il suo ritiro. Mark lo ha fatto perché non ha avuto accesso al suo conto in banca da ottobre. A seguito della protesta, il team di ING ha improvvisamente fatto tutto il possibile per risolvere il problema. Con successo come si è scoperto. “Perché dopo otto ore sono stato in grado di effettuare di nuovo i trasferimenti”, ha detto Mert.




Mert, che possiede un’attività di finestre, porte e persiane solari, ha messo il suo camion davanti alla porta d’ingresso di una sala bancaria self-service intorno alle 9:00 di martedì. Il suo motto era “Stai bloccando il mio trading di denaro senza motivo, sto chiudendo la tua porta”. Verso mezzogiorno, l’uomo ha finalmente smesso di lavorare dopo una telefonata. È stato rassicurato dal fatto che una squadra stava lavorando al suo fascicolo e che avevano notizie prima delle 16:00. “Ho anche avuto una risposta efficiente poco prima delle 16:00”, dice. “La spiegazione era che i moduli, per un totale di nove pagine, che ho firmato e inviato all’inizio di gennaio erano ancora in fase di elaborazione. Ma c’era anche un problema tecnico. Comunque, l’ho testato intorno alle 19:00 e sono riuscito a fare una conversione”.

© Tom Ferndells

cattiva volontà

Quindi il lavoro di Mark Mert ha dato i suoi frutti. “Ciò che non ha funzionato per settimane, ora possono risolverlo in otto ore”, dice. “Mi è chiaro che deve esserci stata almeno una persona in malafede. Se avesse voluto risolverlo, l’avrebbe fatto prima. Ma mostra anche che dobbiamo difenderci. Mi sono sentito in dovere di prendere azione per fare qualcosa. Ma attenzione, sono stato educato. Poiché non potevo guidare fino alla porta, le persone possono ancora entrare e uscire. E c’era un’anziana signora che veniva dal mercato e voleva entrare con due borse della spesa . Per lei, ho lasciato che la mia macchina si gonfiasse un po’ in avanti. Nel frattempo, mi sembra di avere anche molto supporto. Ho visto centinaia di commenti sui social media, ma ci sono anche persone che mi hanno contattato personalmente tramite l’azienda. Molti hanno vissuto la stessa cosa o si sono trovati nella stessa situazione. Una persona di Ternat mi ha persino informato che il problema durava da un anno e che ha dovuto affrontare Starà tutto in tribunale per sistemare la questione .”

“Difendere i nostri diritti”

Resta aperto se l’uomo rimarrà un cliente di ING. “Ma d’ora in poi, trasferirò il denaro ogni giorno al limite giornaliero del conto che ho in un’altra banca”, dice. “Il mio account è stato bannato tra il 19 ottobre e il 29 novembre. Poi ho pensato di liberarmene, ma all’improvviso l’account è stato chiuso di nuovo il 23 dicembre. Quindi forse le cose andranno di nuovo storte presto. E come ho detto martedì: ho la mia azienda dal 1988 e quindi ho già costruito qualcosa, ma diciamo che hai appena iniziato e hai un solo conto in una banca. Quindi potresti avere un problema che potrebbe portare al fallimento. La lezione più grande che ho imparato: noi tutti devono difendere i nostri diritti. I soldi che hanno bloccato erano i miei soldi, ehi”.

Tom Verdels

© Tom Ferndells

READ  Mercedes si unisce a Stellantis e Total per iniziare a produrre batterie per veicoli elettrici in Europa - Sound and Vision - Notizie