QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Mars Odyssey celebra le 100.000 orbite di Marte e scatta una splendida foto del più grande vulcano del sistema solare

Mars Odyssey celebra le 100.000 orbite di Marte e scatta una splendida foto del più grande vulcano del sistema solare

Mars Odyssey celebra le 100.000 orbite di Marte e scatta una splendida foto del più grande vulcano del sistema solare

Voto dell’utente: 5 / 5

Il rover su Marte più longevo della NASA raggiunge un nuovo traguardo il 30 giugno 2024: 100.000 orbite attorno al “Pianeta Rosso” dal suo lancio 23 anni fa. Allora, l’orbiter Mars Odyssey del 2001 mappò minerali e ghiaccio su Marte, identificò siti di atterraggio per missioni future e trasmise dati dai rover e dai lander della NASA alla Terra.

Gli scienziati hanno recentemente utilizzato la fotocamera dell’orbiter per catturare una nuova straordinaria immagine dell’Olympus Mons, il vulcano più alto del sistema solare. L’immagine fa parte di uno sforzo continuo da parte del team Odyssey per fornire viste ad alta quota dell’orizzonte del pianeta. Proprio come gli astronauti salgono dalla prospettiva della Terra a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, questa visione consente agli scienziati di saperne di più sulle nuvole e sulla polvere nell’aria marziana. L’ultima ripresa orizzontale, scattata l’11 marzo 2024, mostra il Monte Olimpo in tutto il suo splendore.

Il vulcano Olympus Mons su Marte – Immagine: NASA/JPL/ASU

La sua base si estende per oltre 600 km e il vulcano a scudo raggiunge un’altezza di 27 km. “Di solito vediamo l’Olympus Mons dall’alto in strisce strette, ma girando la navicella spaziale verso l’orizzonte possiamo vedere in un’immagine quanto si erge sopra il paesaggio”, ha detto lo scienziato del progetto Odyssey Jeffrey Plaut del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. , che gestisce la missione. “Non solo l’immagine è straordinaria, ma ci fornisce anche dati scientifici unici.” Tali immagini non solo forniscono una visione di nuvole e polvere, ma possono anche fornire agli scienziati una comprensione più dettagliata dell’atmosfera marziana se acquisite nell’arco di diverse stagioni.

READ  Chromecast con Google TV ora trasmette in streaming i filmati dalla tua Nest Cam alla tua TV

La fascia bianco-bluastra sul fondo dell’atmosfera indica la quantità di polvere presente in questo luogo durante l’inizio dell’autunno, un periodo in cui solitamente iniziano ad apparire le tempeste di polvere. Lo strato viola in alto è probabilmente il risultato di una miscela di polvere rossa proveniente dal pianeta con alcune nuvole ghiacciate di colore blu acqua. Nella parte superiore dell’immagine c’è uno strato verde-bluastro dove nuvole di acqua ghiacciata si estendono per circa 50 chilometri nel cielo.

Come hanno scattato la foto?

L’orbiter, dal nome del classico romanzo di fantascienza di Arthur C. La scena di “2001: Odissea nello spazio” di Clark con una telecamera sensibile alla temperatura chiamata Thermal Emission Imaging System, o THEMIS, costruita e gestita dall’Arizona State University di Tempe. Ma poiché lo scopo della fotocamera è guardare in basso, scattare una foto orizzontale richiede una pianificazione aggiuntiva. Azionando i propulsori attorno alla navicella spaziale, Odyssey può dirigere THEMIS verso diverse parti della superficie o anche rotolare lentamente per vedere le piccole lune di Marte, Phobos e Deimos. Le ultime immagini dello skyline sono state scattate anni fa come esperimento durante gli atterraggi della missione Phoenix della NASA nel 2008 e del rover Curiosity nel 2012. Come per altri atterraggi su Marte prima e dopo queste missioni, Odyssey ha svolto un ruolo importante nella trasmissione dei dati mentre la navicella spaziale sfrecciava. verso di esso. Superficie.

Per trasmettere i dati tecnici vitali alla Terra, l’antenna dell’Odyssey doveva essere puntata verso la navicella spaziale appena arrivata e le sue traiettorie di atterraggio. Gli scienziati sono rimasti affascinati quando hanno notato che il posizionamento dell’antenna di Odyssey significava che THEMIS sarebbe stato puntato verso l’orizzonte del pianeta. “Abbiamo deciso di accendere la telecamera per vedere come appariva”, ha detto l’ingegnere di volo dell’Odyssey Steve Sanders della Lockheed Martin Space a Denver. Lockheed Martin ha costruito l’Odyssey e assiste nelle operazioni quotidiane insieme ai controllori della missione del JPL. “Sulla base di questi esperimenti, abbiamo progettato una sequenza che garantisce che il campo visivo di THEMIS rimanga centrato sull’orizzonte mentre orbitiamo attorno al pianeta”.

READ  I nuovi occhiali Meta Quest Pro VR costano € 1.800

Il segreto del lungo volo spaziale

Perché Odyssey è la missione attiva più lunga in orbita attorno a un pianeta diverso dalla Terra? “La fisica fa gran parte del duro lavoro per noi”, ha detto Sanders. “Ma questi sono i dettagli più fini che dobbiamo gestire ancora e ancora”. Queste variabili includono carburante, energia solare e temperatura. Affinché Odyssey possa risparmiare carburante (gas idrazina), gli ingegneri devono calcolare quanto rimane perché la navicella spaziale non dispone di un indicatore del carburante. Odyssey fa affidamento sull’energia solare per alimentare i suoi strumenti ed i suoi dispositivi elettronici. Questa forza varia man mano che la navicella scompare dietro Marte per circa 15 minuti in ciascuna orbita. Le temperature devono rimanere equilibrate affinché tutti gli strumenti Odyssey funzionino correttamente. “Ci vuole un controllo preciso per sostenere la missione per un periodo prolungato mantenendo al tempo stesso una cronologia storica di pianificazione ed esecuzione scientifica – e pratiche ingegneristiche innovative”, ha affermato Joseph Hunt, project manager di Odyssey, del JPL. “Non vediamo l’ora di raccogliere altre grandi scoperte scientifiche nei prossimi anni”.

fonte: JPL/NASA