QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Mathieu van der Poel dopo una nuova manifestazione a Ronde van Zoy…

Ancora una volta non c’era volume su Mathieu van der Poel al Giro di Svizzera di martedì. Il campione olandese ha vinto anche la terza tappa dopo la seconda, questa volta in volata. E ora sta cercando di ottenere tre su tre. “Qualcuno deve vincere”, strizzò l’occhio.

Christophe Laporte e Julian Alaphilippe sembravano giovani mentre Van der Poel accelerava. “Dove prendo tutta questa energia oggi? Bella domanda”, ha risposto l’olandese all’intervista dopo la fine. “Ho passato una buona giornata. Volevo rendere la gara dura, proprio come ieri sull’ultima salita, ma mancano ancora dai trenta ai quaranta corridori”

Quindi l’attacco che ha causato le Nove Piogge non è continuato, ma senza molto clamore sul VDP. Con il suo sprint veloce aveva ancora un asso nella manica. “Ho visto nella prima corsia alla fine che mi piaceva la fine. Un po’ più in alto e così abbiamo deciso di pescare la carta dello sprint. I miei compagni di squadra hanno fatto un ottimo lavoro in questa ricerca e so come finirla. Ho iniziato lo sprint a più di 250 metri dalla fine, perché dopo una rampa sono sceso anche in Downhill per un po’. Sapevo di poter continuare i miei sforzi. Dopo una tappa pianeggiante devo restare dietro ai migliori velocisti in termini di velocità, ma dopo una tappa difficile so di essere tra i più veloci del gruppo”.

E ora, tre di fila? “Domani c’è ancora la possibilità di vincere una tappa, ma non me la renderanno facile. Oggi la squadra ha dovuto lavorare ancora molto. Dopo ho perso la maglia di leader perché non posso andare in montagna. Poi Sono salito sull’autobus. Finora solo tre di fila?” Tutto è possibile. Qualcuno deve vincere, quindi forse sarò io (ride). Ci prenderemo comunque le nostre responsabilità. Potrebbe essere un cliché, ma il la squadra è davvero forte, anche oggi mi hanno sorpreso”.

READ  'Club Brugge vede un grande spettacolo imminente di Charles De Ketelaere' | Calcio 24
Foto: EPA-EFE

Sei ancora sorpreso dai suoi tempi d’oro? Sembra “Sto solo ottenendo il livello che devo ottenere”. “Ma so anche che a volte le cose devono essere fatte e possono essere fatte meglio. Le lezioni seguono rapidamente, ma ho imparato che a volte tre settimane di allenamento possono essere buone (ride). La differenza nelle metriche? Sembra così, ma il finale funziona per me. Davvero… dovrei vedere ora che non esco di qui e poi guarderò la corsa Sono forte? Sì, lo è. Non ho perso molto peso. Anche tu non dovresti “Non stare troppo leggero (per una mountain bike, editore) perché perderai potenza. Dopodiché. Sono solo contento di essere arrivato al mio livello dopo un buon periodo di allenamento, che è stato molto tempo fa. “

“Molto forte, non è vero” ha risposto Tiesj Benoot, che è arrivato settimo, “quando ha attaccato (a 25 chilometri dal traguardo) ha pensato: beh, è ​​troppo presto. Anche Michael Matthews aveva dei ragazzi intorno a lui, ma va bene. Bello anche per la squadra, alla fine l’hanno davvero verificato. Questi ragazzi sono in buona forma”.